Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021

19

Anche a noi, come a Pilato, viene chiesto di riconoscere in Gesù il re di un regno che non è di questo mondo e che non abbraccia le logiche di potere, di arroganza e supremazia tipiche delle realtà umane. Se il mondo ci propone di costruire la nostra vita basandosi sulla forza, sul potere, sull’indifferenza agli altri, il regno di Dio annunciato nel Vangelo risplende di una luce e di una prospettiva nuova: servire è regnare. Gesù, servo obbediente, ha dato tutto se stesso perché dal suo atto d’amore arrivasse per noi la salvezza e regna adesso in eterno.

Per riflettere

Ascolti la voce del Signore e riconosci in Lui la Via, la Verità e la Vita?

Preghiera finale

Signore Gesù Cristo,
che noi, ispirati dalla vera fede,
con libera voce proclamiamo
sovrano dell’universo,
regna sulle coscienze umane
e portaci tutti all’unico ovile che salva,
perché possiamo già in terra
avere parte del tuo celeste dominio.
Tu che sei Dio, e vivi e regni con il Padre,
nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 21 Novembre 2021