Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 20 Settembre 2021

81

Fate attenzione, dice Gesù ai discepoli. Questa esortazione risuona oggi nel mio cuore con varie sfaccettature: “Facci caso, sii consapevole, non voltarti, accetta amorevolmente”. Ciò che oggi non possiamo vedere e capire, sarà svelato. Ciò che sembra illuminato sarà buio. Come quei bastoncini luminosi con cui giocavamo da bambini in estate, che al mattino seguente erano spenti e da buttare.

L’attenzione, precisa Gesù, deve essere rivolta all’ascolto. Per fare questo occorre decentrarsi, altrimenti rischiamo di ascoltare selettivamente quello che ci aggrada e di rimuovere quello che non ci piace. Rischiamo di parlarci addosso e di costruirci una reggia destinata a svanire appena si accende l’interruttore giusto.

“Se non avessi visto il sole avrei potuto sopportare l’ombra” (Emily Dickinson). In quali esperienze della mia vita sono riuscito a scorgere questi raggi di sole? Grazie a chi? Come posso farmi “tedoforo” per i fratelli?

Preghiera finale

Dio, che in principio dicesti: “Sia la luce”,
– I nostri occhi esultino per tutte le cose belle e vedano come tu vedi.
Verbo eterno del Padre, che venisti nel mondo come luce vera,
– Possa ogni persona accoglierti e vedere il tuo volto.
Gesù, Signore, che ridonasti la vista al cieco nato,
– Che i fratelli e le sorelle che credono di vedere,
ma sono ciechi, t’incontrino nel loro cammino.
Gesù fratello, che venisti nel mondo
perché chiunque crede in te non rimanga nelle tenebre,
– Che la luce della tua buona notizia percorra la terra.
(Fraternità di Betania)


AUTORE: Michela e Paolo Buti, Cristina e Emanuele Cattin
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedenteSuor Maria Rosa Venturelli – Commento al Vangelo del 20 Settembre 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 20 Settembre 2021