Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2021

33

I sadducei sono messi a tacere da Gesù, cui riconoscono il titolo di “Maestro” durante questa disputa. Più di uno scontro di interpretazioni bibliche differenti, qui siamo in presenza di un confronto tra chi vive la religione unicamente come insieme di norme e precetti, e chi conosce la vera dimensione vitale e amorevole di Dio. Gesù ribadisce la sua testimonianza di un Dio della vita, offre una prospettiva sul domani dell’uomo molto più ampia di quella dei sadducei, di un futuro di resurrezione per “coloro che ne sono degni”.

Per riflettere

Sai riconoscere l’autorità di Gesù, Maestro, o talvolta poni domande capziose sulla fede e la morale per creartene una personale?

Preghiera finale

Anima mia,
non dimenticare i morti.
Dio dei viventi,
non dimenticarmi qui nella morte,
venga il giorno nel quale
Tu sia la mia Vita.
Amen.
(Karl Rahner)


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2021
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 20 Novembre 2021