Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021

38

In questo brano incontriamo un uomo, di cui ci vengono dette due cose: il suo nome, Matteo, e la sua posizione, fisica ma anche sociale: seduto al banco delle imposte. Matteo è un pubblicano quindi, probabilmente, non un campione di onestà e altruismo.

Gesù lo vede, intento a fare il suo lavoro, e gli rivolge una ed una sola parola: “Seguimi”. Questa è sufficiente perché Matteo interrompa tutto, si alzi, e segua Gesù. Questo fa il Signore, viene a chiamarci nella nostra quotidianità. Quanto tempo passiamo seduti, a fare le solite cose in automatico, senza vedere un senso nella nostra vita?

Ecco, Gesù arriva, conosce il nostro nome, è ben cosciente dei nostri errori e dei nostri limiti, eppure ci chiama e ci lancia un invito che spezza la nostra routine: alzati, seguimi. E la promessa di Gesù è quella di una vita guidata dalla misericordia, e non dal sacrificio, in cui il nostro peccato diventa tramite dell’infinita grazia di Dio per gli uomini.

Per riflettere

Gesù siede a tavola con pubblicani e peccatori. Ascoltiamo l’invito di Papa Francesco: «Cari fratelli e sorelle, tutti noi siamo invitati alla mensa del Signore. Facciamo nostro l’invito a sederci accanto a Lui insieme ai suoi discepoli. Impariamo a guardare con misericordia e a riconoscere in ognuno di loro un nostro commensale. Siamo tutti discepoli che hanno bisogno di sperimentare e vivere la parola consolatrice di Gesù. Abbiamo tutti bisogno di nutrirci della misericordia di Dio, perché è da questa fonte che scaturisce la nostra salvezza».

Preghiera finale

Signore Gesù, luce dei popoli,
continua a tirarci fuori da noi stessi.
La tua Parola ci raggiunga
e cambi i nostri pensieri,
trasformi i nostri stili di vita,
guidi le nostre scelte,
interroghi le nostre motivazioni,
smuova la nostra mentalità
dalle più svariate forme di rigidità.
Tu sei Vangelo, Signore,
la buona notizia dell’amore proclamata sul mondo.
Insegnaci a diventarlo, perché la tua luce si diffonda
anche attraverso la nostra vita.
Amen.
(Suor Mariangela Tassielli)


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Marco Scandelli – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 2 Luglio 2021