Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 19 Ottobre 2021

93

È un testo che si dice “escatologico”, parla della fine del mondo: un orizzonte che può essere vissuto come la fine di tutto per noi, oppure come un passaggio nell’attesa dell’incontro con lo Sposo. È nella quotidianità che si possono aprire le porte al Signore, in ogni azione della nostra vita, in ogni momento, in ogni incontro.

Se chiudiamo, rifiutiamo il Signore presente; se apriamo, il Signore viene, in ogni persona, in ogni situazione: nell’Eucaristia celebriamo questo incontro. Le azioni del brano richiamano la Pasqua: i lombi cinti, le vesti lunghe tirate su, per camminare e per servire, nello spirito dell’Esodo e dell’uscita dalla schiavitù verso la libertà. (dalla Lectio 68 di padre Filippo Clerici e padre Silvano Fausti)

Siamo uomini e donne in attesa del Signore, che ci farà mettere a tavola (quanto ci ha aspettati!) e passerà a servirci.

Per riflettere

“Io sono alla porta e busso, se uno mi apre io entrerò con lui, mangerò con lui cenerò con lui” (Ap 3, 20). Quando e in che modo ho incontrato un ospite inatteso?

Preghiera finale

O mio Creatore, quale vasaio che docile argilla plasma,
carne e ossa, alito e vita mi donasti.
Signore che mi creasti, mio Giudice e mio Salvatore,
a te oggi riconducimi.
Pietà di me, o Dio, pietà di me.
(Sant’Andrea di Creta, Grande Canone)


Articolo precedenteLuis Cruz – Commento al Vangelo del 19 Ottobre 2021
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 19 Ottobre 2021