Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2021

32

La compassione di Gesù per gli abitanti di Gerusalemme non è riservata esclusivamente ad essi, ma è un’anticipazione di ciò che attende tutti coloro che, in futuro e fino al suo ritorno nella Gloria, non riusciranno a riconoscerlo e ad apprezzare i suoi doni, la salvezza che è venuto a portare. Preghiamo il Signore di renderci costantemente vigilanti, pronti ad accoglierlo quando attraversa la nostra vita.

Per riflettere

Sai riconoscere la visita del Signore nella tua vita?

Preghiera finale

San Pietro Apostolo,
eletto da Gesù ad essere la roccia
su cui è costruita la Chiesa,
benedici e proteggi il sommo Pontefice,
i Vescovi e tutti i cristiani sparsi nel mondo.
Concedi a noi una fede viva
e un amore grande alla Chiesa.
San Paolo Apostolo,
propagatore del Vangelo fra tutte le genti,
benedici e aiuta
i missionari nella fatica dell’evangelizzazione
e concedi a noi di essere sempre
testimoni del Vangelo
e di adoperarci per l’avvento
del regno di Cristo nel mondo.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2021
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 18 Novembre 2021