Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022

98

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di oggi

L’immagine della vigna, nel suo simbolismo religioso, era ben nota ai discepoli di Gesù. Nell’Antico Testamento, infatti, il tema della vigna (Israele) era tra i più significativi per esprimere il rapporto tra Dio ed il suo popolo. Nelle parole di Gesù c’è un cambiamento piuttosto singolare, perché la vite non è più Israele ma lui stesso: “Io sono la vera vite”. Per comprendere bene queste parole è necessario collocarle nel contesto dell’ultima cena, quando Gesù le ha pronunciate.

Nel primo discorso dice: “Io sono il buon pastore” (la vera guida) e subito dopo afferma: “Io sono la vera vite ed il Padre è il vignaiolo”. Gesù si identifica con la vite, quella “vera” ed aggiunge: “Io sono la vite e voi i tralci”. Non c’è vite senza tralci e viceversa. Il legame dei discepoli col Maestro è quindi essenziale e forte. È una vigna percorsa dall’amore di Dio e che produce molto frutto. Non c’è età della vita che non esiga cambiamenti e correzioni, e quindi tagli, potature. Il Maestro indicava ai discepoli una via semplice per restare con Lui; si rimane in Lui “se le mie parole rimangono in voi”. È questa la condizione per portare molto frutto. È la via tracciata per tutti noi da Gesù, vera vite e vera linfa.

Per riflettere

Il nostro egoismo ed il nostro amor proprio ci suggeriscono scelte che promettono sicurezza, benessere economico, successo personale e predominio sugli altri. Aiutaci, Signore, a privilegiare le scelte che fanno rimanere noi in Te e Te in noi, perché solo così possiamo portare frutti al tuo Regno.

Preghiera finale

Il Signore è il mio pastore: non manco di nulla.

Su pascoli erbosi mi fa riposare,

ad acque tranquille mi conduce.

Rinfranca l’anima mia,

- Pubblicità -

mi guida per il giusto cammino

per amore del suo nome.

Anche se vado per una valle oscura,

non temo alcun male, perché tu sei con me.

Il tuo bastone e il tuo vincastro

mi danno sicurezza.

(Salmo 23)


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Centro Diocesano per le Vocazioni di Pisa
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentePaolo Curtaz – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 18 Maggio 2022