Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2022

97

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di oggi

“Vi lascio la mia pace, vi do la mia pace”: ciò non avviene attraverso modalità proprie del potere umano, ma in modo da manifestare l’onnipotenza dell’amore del Padre. Gesù si contrappone al principe di questo mondo e lo vince. La croce che vive in obbedienza al disegno del Padre è una offerta di amore a quel mondo che ha rifiutato Dio e la Sua parola. Un amore in grado di penetrare nel più intimo del cuore umano ed ha come frutto la fuga di tutte le paure e di tutti i timori.

La pace che questa vittoria dona non è come quella del mondo, ma è la pace del cuore, quella fondata su una sicurezza fondamentale: la nostra fede in ciò che Gesù ha compiuto per noi.

Per riflettere

In un mondo che anche oggi vive una “guerra a pezzetti “ in tanti posti, come discepoli di Gesù siamo chiamati ad affermare il valore di una pace che non proviene dall’uso delle armi, ma dal “disarmo “ interiore, quello del cuore, l’unico che può portare alla riconciliazione e al vero progresso dei popoli.

Preghiera finale

Le opere dell’amore

sono sempre opere di pace.

Ogni volta che dividerai

il tuo amore con gli altri,

- Pubblicità -

ti accorgerai della pace

che giunge a te e a loro.

Dove c’è la pace c’è Dio,

è così che Dio riversa pace

e gioia nei nostri cuori.

(Santa Madre Teresa di Calcutta)


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Centro Diocesano per le Vocazioni di Pisa
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Franco Mastrolonardo – Commento al Vangelo di oggi – 17 Maggio 2022
Articolo successivodon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 17 Maggio 2022