Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022

144

- Pubblicità -

Una festa di nozze senza il piacere del vino non è più tale, s’impoverisce e non allieta più gli invitati. Perde sapore, persino l’identità. Ma Gesù restituisce gioia al banchetto degli sposi. Trasforma l’acqua inodore e insapore nella bevanda più allettante e vivificante di tutte. Maria intercede presso il figlio perché attorno al banchetto gli sposi e i loro invitati non perdano la gioia e l’armonia: “Qualsiasi cosa vi dica, fatela”, dice ai servi.

Quella di Maria è una fede profonda, che ci indica il sentiero: un affidamento assoluto al Signore, dopo avergli presentato desideri, preoccupazioni, problemi e speranze. La Madonna ha confidenza con Gesù e quindi gli presenta un problema in modo semplice, diretto: “Non hanno più vino”. Anche noi possiamo dunque avere confidenza col Signore nel presentargli i nostri problemi, compresi quelli apparentemente più banali.

Non dobbiamo attenderci una pronta e gratificante risposta, come vorremmo che sempre fosse. Non la riceve neppure la madre di Gesù, che anzi si vede opporre un rifiuto e apparentemente non ottiene nulla. Può darsi che spesso ci sembri incomprensibile il silenzio di Dio di fronte alle nostre preghiere; invece di essere esauditi i nostri desideri, o risolti i nostri problemi, ci sembra che le nostre richieste cadano nel vuoto. L’importante è continuare ad affidarci perché il Signore ci incontra secondo logiche che non sono le nostre ma che rinnovano la nostra vita.

Come al banchetto degli sposi, dove il maestro di tavola si stupisce del vino che esce dalle anfore che Gesù ha fatto riempire ai servi: è migliore di quelli bevuti fino a quel momento.

Per riflettere

Gesù compie alle nozze di Cana il primo dei miracoli, cioè dei segni che manifestano la sua gloria. Ripensiamo alla nostra esistenza, a quali sono i segni che Gesù ha compiuto e compie nella nostra storia.


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Angela Castino, Edoardo Cortese, Domenico Coviello
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Vincenzo Marinelli – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022
Articolo successivola Parola in centoparole – Commento al Vangelo del 16 Gennaio 2022