Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2021

35

La fermata di Gesù dopo il richiamo del cieco di Gerico è di una bellezza straordinaria: il grido del sofferente attrae Dio. Dio si ferma davanti ad un urlo di dolore. Il volto di Dio che emerge dall’episodio è quello di un Dio che ascolta l’uomo, che fa di ogni persona una priorità assoluta. È un Dio ricco di pietà e che cerca la relazione con noi proprio nei momenti difficili.

Per riflettere

Quando ricevi un dono dal Signore sai ringraziarlo e testimoniarlo oppure te ne dimentichi subito?

Preghiera finale

Possa il Signore Gesù
toccare i miei occhi
per rendermi capace di guardare
non il visibile ma quello che è nascosto.
Possa aprirli questi occhi
perché contemplino non il presente
ma le realtà ultime,
per ricevere in dono gli occhi del cuore
con i quali posso, per mezzo dello Spirito,
riconoscere Lui in ogni sua Parola.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Luciano Vitton Mea – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 15 Novembre 2021