Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2022

99

- Pubblicità -

La trasfigurazione di nostro Signore è una grande fonte di consolazione e di speranza per tutti noi. Insieme ai tre discepoli possiamo salire sul monte per contemplare sul volto umano di Cristo la luce gloriosa di Dio.

Gesù si sta avvicinando al compimento della sua missione e il momento buio della passione e della morte di croce è sempre più vicino. Anche i discepoli dovranno passare attraverso quei momenti tremendi di smarrimento e di angoscia. Ma nostro Signore oggi dona a loro e a noi la certezza che Lui è la luce del mondo, che anche quando le tenebre ricopriranno la nostra esistenza, anche quando sembrerà che tutto è perduto, Lui sarà la nostra Luce e non dovremo disperare, perché Cristo ci porta la luce di Dio che non ci abbandona mai.

La teofanìa della gloriosa trasfigurazione è estasi, conforto del cuore, speranza, meraviglia, ma anche una parola che viene dal Padre: «Questi è il Figlio mio, l’eletto; ascoltatelo!». Cristo Gesù è il figlio di Dio, è questa la nostra fede! Nostro Signore Gesù Cristo non è il più grande uomo della storia, non è il più grande profeta, tantomeno il più grande filosofo. Egli è Dio, per mezzo di Lui tutte le cose sono state create. Il destino di tutta la storia della salvezza, il compimento di tutte le Scritture stanno in quel volto radiante e in quelle vesti candide.

La parola del Padre che esce misteriosamente dalla nube ci indica la divinità dell’uomo Gesù Cristo stabilendo in modo definitivo il fondamento della nostra fede e, comandando di ascoltare suo Figlio, stabilisce il senso e la meta della nostra esistenza.

Per riflettere

[Cristo] è il rivelatore del Dio invisibile, è il primogenito di ogni creatura, è il fondamento di ogni cosa; Egli è il Maestro dell’umanità, è il Redentore; Egli è nato, è morto, è risorto per noi; Egli è il centro della storia e del mondo; Egli è Colui che ci conosce e che ci ama. (San Paolo VI)


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Monica e Giuseppe Lami
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentep. Alessandro Cortesi op – Commento al Vangelo di domenica 13 Marzo 2022
Articolo successivoGiovani di Parola – Commento al Vangelo del 13 Marzo 2022