Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 13 Febbraio 2021

62

Medita

Il pane che il Signore dà ai suoi apostoli prefigura inequivocabilmente un altro pane che verrà dato all’inizio dell’ultimo gesto che Gesù farà per i suoi discepoli. Chi di noi non voterebbe un governo che invece di chiedere tasse regalasse a tutti i cittadini un milione a testa?
Il clima del racconto è di grande compassione: Gesù prova tenerezza per la folla e vuole aiutarla, sfamarla, e chiede la collaborazione degli apostoli i quali, attoniti, invitano al sano realismo Gesù.

Con la moltiplicazione dei pani e dei pesci Gesù viene osannato come Messia, ma un’ambiguità di fondo resterà in questa massiccia adesione da parte della folla. Si osanna il Messia finché elargisce. Non succede forse anche a noi di cercare Dio più per ciò che dà che non veramente per ciò che è? Chiediamo a Dio di fare qualcosa per le sofferenze del mondo e quando lui ci invita a darci da fare, lo invitiamo al sano realismo. Eppure Dio ha bisogno di noi, ha bisogno del nostro nulla per fare qualcosa. Quando gridiamo a Dio: “Cosa fai per questa situazione?”, Dio ci risponde: “Tu, che cosa fai?”. Credere non è delegare a Dio la risoluzione dei nostri problemi, ma imparare ad affrontarli in una prospettiva diversa. (Paolo Curtaz, commento del 15 febbraio 2003)

Per riflettere

La folla che chiede pane e giustizia ci scuote, Signore, e tu ci chiedi di aiutarti a mettere del nostro perché ogni uomo riceva speranza.

Preghiera finale

Oh! Signore, fa di me uno strumento della tua pace:
dove è odio, fa ch’io porti amore;
dove è offesa, ch’io porti il perdono;
dove è discordia, ch’io porti la fede;
dove è l’errore, ch’io porti la Verità;
dove è la disperazione, ch’io porti la speranza.
Dove è tristezza, ch’io porti la gioia;
dove sono le tenebre, ch’io porti la luce.
Oh! Maestro, fa che io non cerchi tanto
ad essere compreso, quanto a comprendere;
ad essere amato, quanto ad amare.
Poiché è
dando, che si riceve;
perdonando, che si è perdonati;
morendo, che si risuscita a Vita Eterna.
(San Francesco di Assisi)


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi