Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 12 Novembre 2020

69

Medita

Il Regno di Dio non si manifesta con fragore, ma con umiltà. Esso è già in mezzo a noi come dono del Signore nella santità della vita di tutti giorni; cresce nella quotidianità delle persone che amano, che si sacrificano per un bene maggiore, che rinunciano a qualcosa di loro per condividerlo con i fratelli, che sono attenti agli altri. La linfa che nutre il Regno di Dio qui e ora è lo Spirito Santo che ci è stato donato nei sacramenti e che opera con discrezione. Dipende da noi lasciarlo agire, fargli spazio nel nostro cuore e nella nostra vita e permettere che possa far germogliare quei semi di vita che ci sono stati donati.

Non chiediamoci quando verrà il Regno di Dio, ma chiediamoci come lo accogliamo giorno per giorno, perché il Regno di Dio è alla nostra portata.

Rifletti

Talvolta siamo portati a pensare alla santità come a qualcosa di estremamente difficile, riservata a pochi eletti chiamati dal Signore in modo speciale, che fanno scelte di vita radicali. Non lasciamoci intimorire, la santità è una via per tutti, la dobbiamo vivere nella nostra vita quotidiana, facendo bene e con amore le cose che siamo chiamati a fare. “Vivere con amore e offrire la propria testimonianza nelle occupazioni di ogni giorno, lì dove ci troviamo” è l’indicazione di Papa Francesco per vivere la santità. Ognuno di noi è speciale, perché ognuno è amato dal Padre nella sua unicità, di un amore gratuito che ci è dato, senza che ce lo siamo meritati. Accogliamo l’amore di Dio e collaboriamo a fare crescere il suo Regno con la nostra vita: ne abbiamo tutte le potenzialità!

Preghiera finale

Dio grande e misericordioso,
allontana ogni ostacolo nel nostro cammino verso di te,
perché, nella serenità del corpo e dello spirito,
possiamo dedicarci liberamente al tuo servizio.


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Cristina Martinelli, Chiara Martinelli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi