Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021

58

Tra i lebbrosi sanati, uno era samaritano, a differenza degli altri nove che erano giudei. I samaritani erano ritenuti eretici e venivano disprezzati, eppure proprio uno di loro, annoverato tra “i lontani da Dio”, riconosce la gloria della presenza di Dio in Gesù, la testimonia a piena voce. Gesù gli dice: “La tua fede ti ha salvato”, non solo guarito… I nove giudei, infatti, sono guariti nel corpo, ma non nello spirito!

Per riflettere

Sai pregare con vera fede?

Preghiera finale

Signore, dammi fede:
fede nella tua grazia, nella tua misericordia,
nella tua Provvidenza che vigila, dirige, permette;
dammi fede nel bene, nella bontà, nell’opera alla quale
tu mi hai chiamato a collaborare,
fede nell’infinitamente piccolo, che tu,
con la fecondità misteriosa della tua grazia,
puoi trasformare nell’infinitamente grande.
Che io creda che nulla avviene invano,
che il più piccolo atto compiuto per tuo amore
ha un valore grande dinanzi a te.
O Dio, crediamo nella tua parola.
O Dio, speriamo nelle tue promesse.
O Dio, ti amiamo sopra ad ogni cosa.
O Dio, concedi a tutti la tua pace.
Amen.


AUTORI: Claudia Lamberti e Gabriele Bolognini
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Gabriele Nanni – Commento al Vangelo del 11 Novembre 2021
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 10 Novembre 2021