Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022

58

- Pubblicità -

Commento al Vangelo di oggi

Tutti pensiamo al pastore che va in cerca della pecora che si è persa e che la riporta caricandosela sulle spalle. Ma il pastore di Giovanni, quello di cui si parla nel vangelo di oggi, assume altre caratteristiche: è duro e determinato e lotta strenuamente per difendere il gregge dai lupi e dai mercenari. Un pastore che veglia, che lotta, disposto a dare la propria vita per la salvezza del gregge, diversamente da come fanno i pastori per professione.

Gesù ci sta dicendo che siamo nelle sue mani, in mani sicure, che nessuno ci strapperà mai dal suo abbraccio, che solo in lui riceviamo la vita dell’Eterno. Ma per seguirlo occorre ascoltarlo e riconoscere la sua voce, cioè frequentare la sua Parola, meditarla assiduamente. Ci conosce, il Maestro. Conosce il nostro limite, la nostra fatica, ma anche la nostra costanza e la gioia che abbiamo nell’amarlo. E Gesù, oggi, ci esorta: niente ti strapperà dal mio abbraccio. Non il dolore, non la malattia, non la morte, non l’odio, non la fragilità, non il peccato, non l’indifferenza, non la contraddizione di esistere. Nulla. Nulla ci può rapire, strappare, togliere da Lui. Siamo di Cristo, ci ha pagati a caro prezzo. Siamo di Cristo. (Paolo Curtaz)

Per riflettere

Esaminiamoci ora se siamo nel numero di quelle pecorelle che ascoltano la voce ed obbediscono ai comandi del divino Pastore. Egli ci chiama talora ai pascoli erbosi, ad apprendere le divine Verità, ad ascoltare la parola di Dio… E noi?

Preghiera finale

Signore Gesù, Buon Pastore,

ti ringraziamo per considerarci tue pecorelle.

Ti apparteniamo. Fa’ che dipendiamo solamente da te.

Fa’ che comprendiamo che solo tu sei il signore delle nostre vite

- Pubblicità -

e sappiamo seguirti con amore. Amen.


AUTORI: I commenti di questo mese sono curati da Centro Diocesano per le Vocazioni di Pisa
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi

Articolo precedentedon Federico Pucci – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022
Articolo successivodon Nicola Salsa – Commento al Vangelo del 10 Maggio 2022