Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Febbraio 2021

60

Medita

“Così neanche voi siete capaci di comprendere?”. Con grande pazienza Gesù predica alla folla ma deve anche rispiegare in privato ai discepoli che lo seguono e lo ascoltano quotidianamente. Difficile scardinare vecchi modi di pensare e portare la buona novella, il pensiero comune era tale per cui solo osservando tutte le prescrizioni si era graditi al cospetto di Dio. Gesù invita a cambiare prospettiva e a non mettere sullo stesso piano (quando non ad un piano superiore) i tanti piccoli precetti istituiti dall’uomo, da osservare con scrupolo, e le norme che vengono da Dio.

Gesù invita a mantenere un cuore retto, libero e pulito: “Beati i puri di cuore perché vedranno Dio”. E invita a non vivere intimoriti, nella sfiducia di tutto e di tutti, terrorizzati di rimanere contaminati da cose impure. L’autenticità della propria fede si misura dal cuore, dalle scelte libere che escono dall’interno e non dai fatti esterni e superficiali, magari accecati dall’egoismo.
Sant’Agostino scrisse: “Ama e fa’ quello che vuoi”, ovvero scegli di fare il bene, discerni nel cuore ciò che è volontà di Dio e muoviti nel Suo solco.

Per riflettere

Ama e fa’ quello che vuoi.

Preghiera finale

Non permettere mai
che qualcuno venga a te
e vada via senza essere
migliore e più contento.
Sii l’espressione
della bontà di Dio.
Bontà sul tuo volto
e nei tuoi occhi,
bontà nel tuo sorriso
e nel tuo saluto.
Ai bambini, ai poveri
e a tutti coloro che soffrono
nella carne e nello spirito
offri sempre un sorriso gioioso.
Dai a loro non solo le tue cure
ma anche il tuo cuore.


AUTORE: Consiglio Diocesano di Azione Cattolica di Pisa, Beatrice Granaroli
FONTE: Ascolta e Medita – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi