Arcidiocesi di Pisa – Commento al Vangelo del 10 Dicembre 2019

108

Medita

La logica che Gesù racconta nel Vangelo è disarmante e a tratti incomprensibile. Totalmente opposta a quella del mondo che ci incoraggia alla convenienza, alla quantità, a raggiungere un fine senza preoccuparsi del come: tu avresti lasciato ciò che era abbondante e sicuro, per metterti alla ricerca di un’unica pecora, senza neanche la certezza di trovarla?

Ma abbiamo la fortuna di avere Gesù, che ci insegna ad amare. Infatti, davanti all’amore di Dio ognuno è unico, ognuno vale tutto: a Gesù non importa del guadagno economico che avrebbe potuto fare con il gregge, bensì del gregge stesso, di ciascuna di quelle cento pecore. Ciascuno di noi è un capolavoro creato da Lui, che ci ama incondizionatamente e non permette il sacrificio di neanche uno tra noi. Dio costruisce il suo Regno insieme a noi, per noi, non a spese nostre. Ed è Lui che dà la vita per noi, è il pastore che si sacrifica per le sue pecore.

Rifletti

Mi lascio amare da Dio anche se penso di non meritarmi tanto amore e devozione? Mi accorgo se qualcuno dei miei fratelli si perde? Vado a cercarlo?

Prega

Aiuta, o Madre, la nostra fede!
Apri il nostro ascolto alla Parola,
perché riconosciamo la voce di Dio e la sua chiamata.
Sveglia in noi il desiderio di seguire i suoi passi,
uscendo dalla nostra terra e accogliendo la sua promessa.
Aiutaci a lasciarci toccare dal suo amore,
perché possiamo toccarlo con la fede.
Aiutaci ad affidarci pienamente a Lui,
a credere nel suo amore, soprattutto nei momenti di tribolazione e di croce,
quando la nostra fede è chiamata a maturare.
Semina nella nostra fede la gioia del Risorto.
Ricordaci che chi crede non è mai solo.
Insegnaci a guardare con gli occhi di Gesù,
affinché Egli sia luce sul nostro cammino.
E che questa luce della fede cresca sempre in noi,
finché arrivi quel giorno senza tramonto,
che è lo stesso Cristo, il Figlio tuo, nostro Signore!
(Papa Francesco)

Fonte: Ascolta e Medita – Dicembre 2019 curato da Tommaso Rizzo e Rebecca D’Andrea – Arcidiocesi di Pisa – Centro Pastorale per l’Evangelizzazione e la Catechesi


Dio non vuole che i piccoli si perdano.
Dal Vangelo secondo Matteo Mt 18, 12-14   In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Che cosa vi pare? Se un uomo ha cento pecore e una di loro si smarrisce, non lascerà le novantanove sui monti e andrà a cercare quella che si è smarrita? In verità io vi dico: se riesce a trovarla, si rallegrerà per quella più che per le novantanove che non si erano smarrite. Così è volontà del Padre vostro che è nei cieli, che neanche uno di questi piccoli si perda». Parola del Signore
Articolo precedentedon Mauro Leonardi – Commento al Vangelo del giorno, 10 Dicembre 2019
Articolo successivoRobert Cheaib – Commento al Vangelo del 10 Dicembre 2019