Andrew Soane – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2021

10

Un sabato, dopo aver guarito un uomo, Gesù viene attaccato dai farisei per aver violato la tradizione, ma, in fondo, la vera ragione stava nel fatto che diceva di essere uguale a Dio.

In questo brano, utilizza le loro obiezioni per spiegare la sua relazione con il Padre e per affermare molti attributi divini.
Comincia facendo capire che le sue azioni sono opera del Padre (Gv 5,17). Questa rivendicazione della sua divinità, fa infuriare i farisei (Gv 5,18). Per questo, sviluppando il suo ragionamento, dice di essere capace di operare cose più grandi del miracolo che li ha turbati (Gv 5,20). Afferma di avere potere di vita e di morte (Gv 5,21), autorità per giudicare (Gv 5,22) e dignità divina (Gv 5,23). Afferma che coloro che respingono il suo messaggio non onorano Dio (Gv 5,24) e che soltanto quelli che gli credono avranno la vita eterna (Gv 5,25). Il brano culmina con l’affermazione “Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso anche al Figlio di avere la vita in se stesso” (Gv 5,26), che è la più chiara dichiarazione della divinità di Cristo che potessimo aspettarci.

I miracoli di nostro Signore, come la guarigione che ha provocato questo duro confronto, sono la dimostrazione che la veridicità del suo insegnamento è garantita da Dio. Però, una delle sue affermazioni principali era la sua Divinità e, questo, per il farisei era davvero difficile accettarlo, anche con l’evidenza del miracolo.

In questo brano vediamo che, anche se contraddetto, Gesù non ritira la sua affermazione, ma trova successivi argomenti per affermarla con maggiore forza.
Conoscendo Gesù, impariamo molto di più di Dio che in qualunque altra maniera.

Quando meditiamo sulle sue azioni, così come sono descritte nei Vangeli, dobbiamo ricordarci sempre che era Dio e uomo.
Il più importante insegnamento che viene da tutto ciò che ha fatto è che è stato Dio ad operare in quella maniera. E, così, ci permette di conoscere Dio in modo personale. Allo stesso modo, uno degli obiettivi del nostro apostolato è che le persone leggano il Vangelo, perché in tal modo vedano Cristo, perché “chi ha visto me ha visto il Padre (Gv 14,8).


Fonte: La pagina Facebook di “Opus Dei Italia” | Sito Web con tutti i commenti al Vangelo 

Leggi altri commenti al Vangelo del giorno