Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 25 Dicembre 2021

73

Che gioia il Verbo, il discorso di Dio su di me ha preso carne! Il cuore sussulta come tutte le volte in cui le parole cedono al contatto vero con la carne, la vita, la luce che sprigiona la vicinanza di coloro che ci amano più di loro stessi!

Relazioni che nessuna tenebra può vincere, perché manifestano e rendono presente l’indeformabile bellezza di Dio. E così oggi questa immersione nella Sua luce ci rende testimoni dell’arretrare delle tenebre in noi.
La grande sfida odierna? Accogliere (dal latino *accollĭgĕre, comp. di ad- e collĭgĕre «cogliere, raccogliere») una vita da figli amati che possiamo veder dispiegarsi dinnanzi a noi solo se siamo capaci di “raccoglierla” accanto a questo bimbo luminoso. Accosta alla sua mangiatoia ciò che chiede di essere riscaldato.

Inizia quel cammino che avrai il coraggio di percorrere solo dopo che verrà illuminato dalla sua presenza. E se lungo il percorso dovessi aver bisogno di fermarti per recuperare il coraggio di amare, non temere, perché Lui non è immobile nel suo tempio. Lui è il Dio con noi e sempre pianterà la sua tenda da campo lì dove le tue battaglie si faranno più dure!

Narciso Sunda SJ


Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato

Articolo precedentedon Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 25 Dicembre 2021
Articolo successivoDon Fabrizio Della Bella – Commento al Vangelo del 25 Dicembre 2021