Fraternità Gesù Risorto – Commento al Vangelo del 1 Gennaio 2020

287

L’odierna solennità celebra la divina maternità della Vergine Maria, ma oggi è anche il primo giorno dell’anno civile e la Giornata della Pace. Per vivere queste due ricorrenze ci è d’aiuto la prima lettura: su di noi scende la benedizione di Dio per bocca dei suoi sacerdoti. L’anno che verrà è dono di Dio, come lo riconosciamo ogni giorno nella nostra preghiera. Noi lo vogliamo iniziare con questa consapevolezza, e quindi con riconoscenza e col desiderio che diventi un tempo di benedizione e di grazia non solo per noi, ma anche per tutti coloro che amiamo e che incontreremo. L’Eucaristia di oggi sarà un rendimento di grazie anche per questo motivo.

La benedizione che riceviamo comprende la pace, dono sublime, dato che Dio stesso spesso si fa chiamare il Dio della pace! Per la S. Scrittura la pace è il godere una vera comunione, il partecipare alle stesse gioie e agli stessi beni. La pace viene da Dio, ed è il Figlio suo, la sua gioia più grande. Uomini di pace sono coloro che attingono dal Padre luce e sapienza, coloro che accolgono il Figlio suo e ne condividono l’amore per tutti. La nostra preghiera per la pace del mondo è la richiesta che vi siano ovunque persone capaci di aprire il cuore a Gesù, al suo modo di donarsi e di spendersi per la gioia degli altri.

Benedizione di Dio e pace di Dio sono la persona stessa del Figlio di Dio, quel Figlio che oggi visitiamo con i pastori di Betlemme. Lo troviamo davanti a Maria, accanto a Giuseppe. Sono essi che ce lo presentano, essi che ci permettono di individuarlo tra i vari bimbi che nascono nel mondo. Quel bimbo diventa la gioia dei pastori, meravigliati essi stessi di trovare ciò che gli angeli hanno annunciato loro.

Oggi, otto giorni dopo la nascita, giorno della circoncisione, fermiamo la nostra attenzione su quelle braccia e quel cuore che ci presentano il Bambino. Maria ce lo presenta in silenzio. Le parole non servono quando è presente la Parola! La presenza del Bambino dice tutto. Maria deve conservare il silenzio per amare, per comprendere, per donare il suo Figlio. Ella muove nel proprio cuore le parole che si dicono di lui e ne fa tesoro. Quelle parole l’aiutano ad amarlo, a donargli attenzione e servizio.

Oggi è il giorno in cui il bambino non è più suo, viene accolto nell’Alleanza del Popolo. Questo costa sangue e pianto al bambino stesso, e costa le lacrime sue, lacrime di madre.

Oggi ella comincia a pronunciare il Nome che finora era rimasto sulla bocca dell’angelo a Nazaret, Gesù! Questo nome ora passa di bocca in bocca, dalle labbra della Madre a quelle di Giuseppe, a quelle di tutto il popolo. Gesù! Si chiama Gesù: «Dio salva, Dio ci visita, Dio è con noi»!

Questo Nome non è un nome, è un annuncio, è una notizia che rallegra i cuori. Maria è la prima a pronunciarlo a voce alta, è la prima donna che dice che l’amore di Dio è presente, che annuncia che siamo amati dal Padre, e che l’amore eterno è quel fragile bimbo che pesa dolcemente sulle sue braccia.

Anch’io pronuncio quel Nome: voglio imparare dalla Madre, perché la mia pronuncia non lo storpi, poiché è santo e benedetto; voglio ascoltarlo da lei per imitarne il tono di voce, per accompagnarlo solo con l’amore più vero, quello che accoglie, che è disponibile al servizio, che si lascia conquistare, quello pronto a testimoniare che lui è necessario a tutti.

La madre di quel bambino è la Madre di Dio: è Dio quell’essere fragile e silenzioso di cui lei si cura e su cui si china. È Dio: il dono del Padre, la sua gioia, il suo amore, la sua luce, la sua vita. E la madre è la Madre di Dio! Così la salutiamo, mentre ella continua il suo silenzio, dal quale noi veniamo ancora benedetti e salutati.

Il nuovo anno inizia con questa festa, festa per la Madre di Dio. Tutto l’anno sarà ricco del suo sguardo posato su di noi. Tutto l’anno sarà sereno perché il nostro sguardo raggiunge il suo. Sotto il suo sguardo oggi ci stringiamo la mano e ci auguriamo reciprocamente benedizione e pace!


Letture della
MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO
Colore liturgico: BIANCO

Prima Lettura

Porranno il mio nome sugli Israeliti, e io li benedirò.

Dal libro dei Numeri
Nm 6, 22-27

Il Signore parlò a Mosè e disse: «Parla ad Aronne e ai suoi figli dicendo: Così benedirete gli Israeliti: direte loro: Ti benedica il Signore e ti custodisca. Il Signore faccia risplendere per te il suo volto e ti faccia grazia. Il Signore rivolga a te il suo volto e ti conceda pace. Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io li benedirò».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale

Dal Sal 66 (67)

R. Dio abbia pietà di noi e ci benedica.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti. R.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra. R.

Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra. R.

Seconda Lettura

Dio mandò il suo Figlio, nato da donna.

Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati
Gal 4,4-7

Fratelli, quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la Legge, perché ricevessimo l’adozione a figli. E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandò nei nostri cuori lo Spirito del suo Figlio, il quale grida: Abbà! Padre! Quindi non sei più schiavo, ma figlio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.

Parola di Dio

Vangelo

I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Dopo otto giorni gli fu messo nome Gesù.

Dal Vangelo secondo Luca
Lc 2,16-21

In quel tempo, [i pastori] andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro. Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette loro dai pastori. Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore. I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio per tutto quello che avevano udito e visto, com’era stato detto loro. Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per la circoncisione, gli fu messo nome Gesù, come era stato chiamato dall’angelo prima che fosse concepito nel grembo.

Parola del Signore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.