Commento al Vangelo di venerdì 10 Aprile 2020 – Sussidio CEI

388

Nel pomeriggio di questo giorno, la famiglia si ritrova unita nello spazio della casa dedicato alla preghiera familiare. Si consiglia di tenere, nel luogo della preghiera, la Bibbia aperta e accanto ad essa una lampada accesa. Durante la preghiera verrà introdotta una croce o un’immagine di Cristo crocifisso.

La preghiera può essere guidata dal papà o dalla mamma.

Scarica le preghiere nel sussidio alla Settimana Santa 2020 CEI

Per la meditazione

Questo giorno santo era chiamato “giorno dell’amarezza”. Le campane delle chiese sono mute e si lascia spazio al silenzio, alla meditazione e alla preghiera. Si contempla la passione e la morte di Gesù che per noi ha dato la vita sulla croce. Il silenzio di tutti esprime il dolore della Chiesa Sposa per la perdita del suo Sposo. Quest’anno non possiamo andare in chiesa per celebrare con tutta la comunità la passione del Signore, ma vogliamo farlo nella nostra casa.

Lo stupore per un amore così grande chiude anche le nostre bocche nel silenzio ma chiede ai cuori di aprirsi all’ascolto della Parola. Essa ci rivela un Dio che non esige il sacrificio degli uomini ma ad essi offre in sacrificio il suo stesso Figlio. Abbiamo appena ascoltato una parte del racconto della passione del Signore, attinto per questo giorno sempre dalla narrazione evangelica di Giovanni.

Ai piedi della croce, come Maria e il discepolo e insieme a loro, ci scopriamo destinatari di questo amore che sgorga abbondante dal cuore trafitto di Cristo e ci inonda di misericordia.

Fermiamoci qualche istante in silenzio e in adorazione davanti alla croce per esprimere  il nostro amore riconoscente e la nostra fede viva in Gesù amore crocifisso per noi. Il segno della croce, impresso in noi dal Battesimo, e con il quale ora torneremo a segnare il nostro corpo, è il segno della nostra identità di figli di Dio, è una presenza che abbraccia e penetra l’intera nostra esistenza e chiede di far morire in noi l’uomo vecchio, con il suo egoismo e i suoi peccati, per risorgere, in Cristo, come creature nuove. Questa è la nostra fede ed è la gratitudine della nostra famiglia che desidera abbracciare e accarezzare Gesù nostro salvatore e lasciarsi avvolgere dal suo amore, per testimoniarlo a tutti con  la bellezza della nostra vita.

Fonte: il sussidio alla Settimana Santa 2020 CEI

Sussidio CEI Settimana Sant… by Cerco il Tuo volto on Scribd