Commento al Vangelo del 1 Novembre 2018 – Mons. Antonio Interguglielmi

8

Nella Festa di tutti i Santi siamo chiamati a contemplare il nostro destino di cristiani: la Santità! Non siamo chiamati dal Signore a cose piccole o insignificanti, ma a trovare nella nostra vita il cammino perché il Signore realizzi in noi opere grandi!

Ecco che stupisce il fatto che in questi giorni, anziché festeggiare il Signore per questa meravigliosa chiamata che accomuna tutti noi cristiani, si assiste al sempre più diffuso espandersi della “festa” delle “zucche vuote”: diffusione legata, come tutti i fenomeni di massa, a questioni di marketing e di profitto, ma che ci deve portare a riflettere sul nostro discernimento. La diffusione di questa “moda”, soprattutto tra i più piccoli, mostra infatti una preoccupante mancanza di capacità critica, che oltrepassa anche l’aspetto religioso.

La mancanza di questa autonomia diciamo “intellettuale” fa si che si diviene facilmente “manovrabili”, così che il mostruoso diventa simpatico, la violenza è mascherata da gioco, il demoniaco entra nel nostro modo di pensare…in punta di piedi.

Il cristiano è invece l’uomo della gioia e della Speranza: Cristo ha spazzato via la morte, prendendola su di sé, perché noi avessimo la vita.

Grazie al sacrificio di Cristo è un uomo “rinato”, dall’acqua e dallo Spirito, per lui la morte non esiste più, perché ha ricevuto la vita eterna, già adesso. Non è una “zucca vuota”, non è un “fanciullo in balìa delle onde, trasportato qua e là da qualsiasi vento di dottrina, ingannato dagli uomini con quella astuzia che trascina all’errore” (scrive San Paolo nella lettera agli Efesini), ma un uomo che sa scegliere il bene e dona vita, perché l’ha ricevuta da Cristo.

Don ANTONIO INTERGUGLIELMI – Cappellano Rai – Saxa Rubra (Roma)

Fonte

[box type=”shadow” align=”” class=”” width=””]

LEGGI IL BRANO DEL VANGELO

TUTTI I SANTI

Puoi leggere (o vedere) altri commenti al Vangelo di giovedì 1 Novembre 2018 anche qui.

Il Figlio dell’uomo è venuto per dare la propria vita in riscatto per molti.

Mt 5, 1-12
Dal Vangelo secondo Matteo

1Vedendo le folle, Gesù salì sul monte: si pose a sedere e si avvicinarono a lui i suoi discepoli. 2Si mise a parlare e insegnava loro dicendo: 3«Beati i poveri in spirito, perché di essi è il regno dei cieli. 4Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati. 5Beati i miti, perché avranno in eredità la terra. 6Beati quelli che hanno fame e sete della giustizia, perché saranno saziati. 7Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia. 8Beati i puri di cuore, perché vedranno Dio. 9Beati gli operatori di pace, perché saranno chiamati figli di Dio. 10Beati i perseguitati per la giustizia, perché di essi è il regno dei cieli. 11Beati voi quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. 12Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli. Così infatti perseguitarono i profeti che furono prima di voi.

C: Parola del Signore.
A: Lode a Te o Cristo.

  • 28 Ottobre – 03 Novembre 2018
  • Tempo Ordinario XXX
  • Colore Verde
  • Lezionario: Ciclo B
  • Anno: II
  • Salterio: sett. 2

Fonte: LaSacraBibbia.net

LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO

[/box]

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.