Supplica di san Francesco d’Assisi

228

O Signore, fa’ di me uno strumento della tua pace.

Dove c’è odio, fa’ che io porti amore.

Dove c’è offesa, che io porti il perdono.

Dove c’è discordia, che io porti l’unione.

Dove c’è l’errore, che io porti la verità.

Dove c’è disperazione, che io porti la speranza.

Dove c’è tristezza, che io porti la gioia.

Dove son le tenebre, che io porti la luce.

Signore, fa’ che io non cerchi tanto

di esser consolato quanto di consolare;

di esser compreso, quanto di comprendere;

di esser amato, quanto di amare.

Poiché è donando che si riceve,

è perdonando che si è perdonati,

è morendo che si risuscita alla Vita Eterna.

Amen.