Preghiere sugli Angeli

984

Angelo della meraviglia,
dammi un cuore bambino capace di stupirsi,
di guardarsi intorno con occhi sempre nuovi.
Dammi un cuore che non conosce la monotonia
e non dà nulla per scontato.
Ogni giorno, fammi scoprire,
in ogni cosa, una sorpresa!

Sono convinto che c’è una mano invisibile, un Angelo,
che in qualche maniera, come un’elica sott’acqua,
ci spinge avanti.
Tagore

Angelo del sorriso,
che come per miracolo appari sul volto dei bambini, dei giovani,
degli adulti e degli anziani,
ridona al mondo il sorriso,
schiudendo a ognuno un angolo di Cielo.

Angeli.
Creature immortali, mai separate da Dio, le loro ali simbolizzano la rapidità di movimento e la loro qualità di esseri intermediari; la molteplicità degli occhi su queste ali sottolinea la loro onniscenza.

Angelo dei desideri,
che i mei (e quelli di ogni uomo) li conosci uno ad uno,
fa’ che siano degni di te che li raccogli
e li deponi nel Cuore di Dio.

La bellezza, il chiarore del viso dell’Angelo erano tali che guardare il sole era più facile che guardare quel volto.
Un cerchio d’oro gli cingeva la testa.
…Da ognuna delle sue spalle, un’ala scendeva, fino alle ginocchia…
Ildegarda di Bingen

Angelo delle stelle,
lasciane cadere una, piccina piccina, nella mia mano:
fammela contemplare e fammi perdere in quella luce,
per tornare poi a correre e a metterla fra le mani
di chi non riesce più a guardare in alto verso il cielo.

Poco prima di morire, San Tommaso d’Aquino fu assistito da un Angelo consolatore.
Lo vide un ragazzo che lo assisteva: una stella penetrò nella cella e si fermò per lungo tempo sul capo del grande Santo, che poco tempo prima aveva giudicato “fieno e paglia” tutto ciò che aveva scritto.

Ci sono uomini e donne toccati da una speciale Grazia,
in grado di ascoltare l’armonia dell’universo.
Tu che di quest’armonia sei parte, Angelo della Testimonianza,
dà voce alla loro esperienza perché raggiunga anche noi.