Preghiera alla Vergine del Pilerio per l’epidemia del coronavirus

20

Santa Maria del Pilerio, nostra amata Patrona,
con la fede e le parole di S. Bernardo,
anche noi ti invochiamo in questo momento
di disorientamento edi aura:
«Ricordati o piissima Vergine Baria che non si è mai
sentito dire che alcuno abbia fatto ricorso
al tuo patrocinio, implorato il tuo aiuto,
chiesto la tua protezione e sia stato abbandonato».
Abbiamo bisogno della tua materna presenza:
come un tempo già ti sei mostrata misericordiosa
verso il nostro popolo, continua ancora oggi
a consolare e sostenere i nostri ammalati, gli anziani,
le persone più deboli e vulnerabili,
sacerdoti, diaconi, seminaristi, consacrati e fedeli laici.
Benedici, o Madre del Pilerio, tutti coloro
che lavorano con abnegazione e generosità,
mettendo a rischio anche la propria vita,
per alleviare le sofferenze dei colpiti
da questo nuovo flagello,
diffuso ormai in tutto il mondo:
medici, infermieri, personale ospedaliero
e delle case di assistenza, volontari e familiari
che sono vicini alle persone ammalate.
Benedici le nostre famiglie,
perché possano trasformare questi giorni
di forzata clausura in un tempo di riconciliazione,
di dialogo e di comunione.
Fà, o Madre, che l’impossibilità di partecipare
alle celebrazioni liturgiche e la sofferta mancanza del cibo
eucaristico, accrescano la fame
e la sete del Pane della vita e dei beni spirituali,
che spesso abbiamo ricevuto con superficiale leggerezza.
Benedici e sostieni gli Amministratori,
le Forze dell’Ordine e i Militari,
la Protezione civile e coloro che ci governano,
per debellare, insieme, questo terribile morbo.
O Madre piissima e Consolatrice degli afflitti,
siamo certi che anche questa volta saremo esauditi,
non per i nostri meriti, ma per i meriti
della passione e morte
del tuo Figlio Gesù, nostro Signore.
AMEN.

Cosenza, 11 marzo 2020