Preghiera a Santa Rita nel tempo del coronavirus

2

Mentre esperimentiamo la nostra debolezza e fragilità
di fronte alla malattia che colpisce in questi giorni
tanti nostri fratelli e sorelle in umanità,
ancora una volta facciamo ricorso alla tua intercessione,
o amata Santa Rita.

La paura ci impedisce di guardare a questo tempo
con serenità e fiducia
e l’incertezza e la trepidazione per il futuro
rischiano di spegnere la fiducia e inaridire la speranza.

Tu che nel lazzaretto di Roccaporena
hai accolto e curato i malati della peste
che ha ferito la tua epoca,
tu che sei per tutti riflesso luminoso
della tenerezza e della provvidenza di Dio,
ottienici il coraggio di attraversare questa prova
nella fiduciosa certezza che la mano amorosa del Padre
non abbandona i suoi figli.

La tua preghiera allontani da noi
l’epidemia che si diffonde nel mondo;
consoli quanti sono colpiti e i loro familiari;
conforti gli anziani, esposti più di altri alla solitudine;
sostenga gli operatori sanitari nel loro generoso servizio;
ispiri sagge decisioni a chi ha responsabilità scientifiche e politiche;
aiuti tutti a ritornare sereni alle consuete occupazioni
per lodare e ringraziare Dio con cuore rinnovato.
Amen.

Mons. Renato Boccardo, Arcivescovo di Spoleto-Norcia