Intervento di p. Antonio Spadaro su alcune obiezioni per la Via Crucis in Vaticano

110

- Pubblicità -

Sono state sollevate obiezioni circa l’idea di Papa Francesco di far portare la Croce nella XIII stazione della Via Crucis al Colosseo a una donna ucraina e una donna russa. Insieme.

Occorre comprendere una cosa: Francesco è un pastore non un politico. Agisce secondo lo spirito evangelico, che è di riconciliazione anche contro ogni speranza visibile durante questa guerra di aggressione definita da lui “sacrilega”. Per questo ha pure consacrato insieme Ucraina e Russia al Cuore di Maria.

- Pubblicità -

Le due donne, Albina e Irina, nel venerdì santo porteranno la Croce. Non diranno una parola. Neanche una richiesta di perdono o cose del genere. Niente. Sono sotto la Croce. Scandalosamente insieme. E’ un segno profetico mentre le tenebre sono fitte.

Ed è una invocazione a Dio perché ci dia la grazia della riconciliazione. La loro presenza insieme è una preghiera scandalosa per chiedere una grazia che solamente Lui può dare. La profezia si incunea nei cuori e nelle ombre della storia.

La domanda per il credente resta: che cosa significa oggi in questa situazione “amare il nemico” (che è il cuore del Vangelo)? E il Papa è pastore universale. Per lui vale quel che ha appena scritto in un tweet: “Il Signore non ci divide in buoni e cattivi, in amici e nemici. Per Lui siamo tutti figli amati”. È terribile e scandaloso. Ma è questo il Vangelo di Cristo.

Qui la mia intervista a Rainews.it sul tema: https://bit.ly/37hLwIm

- Pubblicità -

Nel seguente video, la loro testimonianza:

Testo tratto dal post di p. Antonio su Facebook.

Articolo precedentedon Luigi Maria Epicoco – Commento al Vangelo del 14 Aprile 2022
Articolo successivoMonaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vengelo del 14 Aprile 2022