- Pubblicità -

ALAMANACCO DEL GIORNO

Il fine è il timone dell’opera

  • Santo del giorno: San Patrizio
    Dal Martirologio
    San Patrizio, vescovo: da giovane fu portato prigioniero dalla Britannia in Irlanda; recuperata poi la libertà, volle entrare tra i chierici; fatto ritorno nella stessa isola ed eletto vescovo, annunciò con impegno il Vangelo al popolo e diresse con rigore la sua Chiesa, finché presso la città di Down in Irlanda si addormentò nel Signore.
  • Altri santi: Sant’Agricola, vescovo; beato Corrado, eremita; santa Geltrude, badessa.
  • Colore liturgico: Viola
  • Tempo di Quaresima
  • II Settimana del Salterio
  • Lezionario: Ciclo C
  • Anno II

LITURGIA DEL GIORNO

Ger 17, 5-10; Sal.1; Lc 16, 19-31

19C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. 20Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, 21bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe….[continua qui]

PREGHIERA 

Signore, mettici al servizio dei nostri fratelli di tutto il mondo
che vivono e muoiono nella povertà e nella fame.
Affidali a noi oggi; da’ loro il pane quotidiano
insieme al nostro amore pieno di comprensione, di pace, di gioia.
Signore, fa’ di me uno strumento della tua pace,
affinché io possa portare l’amore dove c’è l’odio,
lo spirito del perdono dove c’è l’ingiustizia,
l’armonia dove c’è la discordia, la verità dove c’è l’errore,
la fede dove c’è il dubbio, la speranza dove c’è la disperazione,
la luce dove ci sono ombre e la gioia dove c’è la tristezza.
Signore, fa’ che io cerchi di confortare e non di essere confortata,
di capire e non di essere capita, e di amare e non di essere amata,
perché dimenticando se stessi ci si ritrova,
perdonando si viene perdonati e morendo ci si risveglia alla vita eterna.
(Madre Teresa di Calcutta)

Articolo precedenteBenedetto XVI – Commento al Vangelo del 17 Marzo 2022
Articolo successivoVangelo Daily – Lettura e Commento al Vangelo del 17 Marzo 2022