Kantiere Kairòs – Ninna Nanna Chianu Chianu

121

Una mamma che culla il proprio bimbo sa bene cosa vuol dire letteralmente “una parte di sé”. Sa che quel bimbo è un’appendice della propria intimità, una creatura con cui ha comunicato in silenzio fin da subito, perché alimentati da un solo battito di comunione, di relazione.

Continua dopo il video

Averlo tra le braccia mentre gli si canta sottovoce una ninna nanna, è forse il momento di tenerezza e complicità più forte che si possa osservare.

A maggior ragione se si tratta di Maria.

Si tratta di percepire la loro comunicazione, il loro intendersi, il loro abbandonarsi l’un l’altro.

È una fusione di cuori, nonostante a battere siano in due.

Anche la lingua è essenziale: hanno un linguaggio personale chiarissimo.

Per questo le parole della ninna nanna non potevano che essere quelle di una donna e mamma, Rita Fiorino, perché solo una mamma sa meglio di chiunque altro cosa vuol dire guardare la vita da lei stessa generata.

In fondo una mamma sa già tutto.

Maria è per noi l’esempio più concreto e bello di Mamma perché è anche Nostra Mamma, che ci indica quale dovrebbe essere il nostro atteggiamento nei confronti di questo Gesù Bambino indifeso nato nelle nostre caverne del cuore: quello della premura, della tenerezza, della protezione, per permettergli di crescere delicatamente, come un seme da cui spunta un minuscolo germoglio di cui prendersi cura, in noi.

Questo video è un estratto del concerto organizzato da Nuovi Orizzonti per il 19.12.2020, condotto da Francesco Lorenzi, a cui hanno partecipato anche i Reale, Debora Vezzani e, ovviamente Nuovi Orizzonti Music.

Santo Natale!

Riprese e montaggio a cura di Gabriele Di Nardo.