Raimondo Lullo – Il libro dell’amico e dell’amato

148

Quest’opera, raro esempio di poesia mistica in lingua catalana, descrive la relazione dell’essere umano, l’amico, con il trascendente, l’amato, e il legame che li unisce, l’amore: è un libro che ancora oggi ci colpisce perché capace di esprimere un sentimento universale, un desiderio che resiste all’erosione del tempo e della storia. Chiunque, a un certo punto della sua vita, abbia sperimentato in sé la segreta forza dell’amore, sarà commosso da queste parole: vi si riconoscerà e si sentirà compreso, scorgendo in esse i movimenti del proprio cuore.

Nel video qui sopra, Federica D’Amato racconta “Il libro dell’amico e dell’amato” che è un vero e proprio gioiello della letteratura medievale. Scritta dal catalano Raimondo Lullo, poeta, mistico, filosofo, alla fine del XIII secolo, l’opera nasce con un pretesto didattico, quello di educare e di intensificare la devozione e la fede in Dio degli eremiti cristiani ma è sostanziata da intenzioni, immagini amorose attinte da Lullo dalla poesia trobadorica cortese e dalla mistica dei dervisci musulmani.

Ne risulta così redatto un breviario di 357 versetti tanto brevi ed essenziali quanto struggenti, che ancora oggi, a distanza di sette secoli, non solo continuano a narrarci dell’amore tra l’amico, la creatura, e il suo amato, il Creatore, ma con straordinaria modernità parlano e raccontano anche di noi, del nostro bisogno di dare e ricevere un infinito amore.

ACQUISTA IL LIBRO SU

Acquista su Libreria del Santo Acquista su Amazon Acquista su Ibs Acquista su Monastero di Bose

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.