Papa Francesco giornalista – Cinque messaggi sulla comunicazione 2014-2018

Pubblicità

E’ irriguardoso o addirittura sbagliato attribuire a un Papa la qualifica di “giornalista”? Non nel senso professionale del termine, certo: Francesco ha una missione diversa e ben più ampia. Ma semplicemente per sottolineare la sua attitudine a comunicare con efficacia, magari creando “titoli” capaci di fare invidia al direttore di un grande giornale.

Crediamo che Papa Francesco abbia questa capacità e che riconoscergliela significhi capire meglio anche la sua azione teologica e pastorale, aperta verso tutti per farsi capire nel modo più diretto.

Prendiamo alcune sue espressioni che già da ora sono destinate a caratterizzare il suo pontificato. Eccone una piccola raccolta:

• Ah! quanto vorrei una Chiesa povera e per i poveri!
• Perché loro e non io (ripetuta durante le sue visite ai carcerati)
• Chi sono io per giudicare?
• La prima predica di Gesù nella stalla è stato un pianto.
• Il Vangelo è stato “ristampato” in tantissime edizioni delle vite dei santi

E la sua attitudine a considerare il giornalismo come una forma espressiva importante è racchiusa nella sua frase:

• Il giornalismo è la prima bozza della storia.

I documenti in cui Francesco ha manifestato in modo più compiuto e sistematico il suo pensiero sull’etica e la prassi della professione giornalistica sono i cinque Messaggi per le Giornate Mondiali delle Comunicazioni Sociali promulgati nell’arco del suo pontificato, dal 2014 ad oggi.

Cinque sono i Messaggi qui presentati e cinque sono le parole-chiave in essa evidenziate:

  1. 2018 – Pace, ponendo al centro le persone che, libere dalla bramosia, sono pronte all’ascolto e attraverso la fatica di un dialogo sincero lasciano emergere la verità
  2. 2017 – Speranza, riconoscendo come Dio stesso, nello scenario drammatico di questo mondo, stia componendo la trama di una storia di salvezza
  3. 2016 – Misericordia, che, citando Shakespeare, “scende dal cielo come il refrigerio della pioggia sulla terra. È una doppia benedizione: benedice chi la dà e chi la riceve”.
  4. 2015 – Famiglia, primo luogo in cui impariamo a comunicare, ad abbracciarsi, sostenersi, accompagnarsi, decifrare gli sguardi e i silenzi, ridere e piangere insieme.
  5. 2014 – Incontro, come nella parabola del Buon Samaritano, ove si esalta la comunicazione come “prossimità”, capace di raggiungere le periferie esistenziali.

Su queste parole abbiamo chiamato a riflettere significative personalità del mondo della cultura e del giornalismo, con diverse funzioni e diversi orientamenti. A loro va il nostro ringraziamento perché sono i veri autori di questo lavoro.

ACQUISTA IL LIBRO SU

Acquista su Libreria del Santo Acquista su Amazon Acquista su Ibs

 

Potrebbe piacerti anche