Pubblicità
Home / Libri / Papa Francesco giornalista – Cinque messaggi sulla comunicazione 2014-2018

Papa Francesco giornalista – Cinque messaggi sulla comunicazione 2014-2018

E’ irriguardoso o addirittura sbagliato attribuire a un Papa la qualifica di “giornalista”? Non nel senso professionale del termine, certo: Francesco ha una missione diversa e ben più ampia. Ma semplicemente per sottolineare la sua attitudine a comunicare con efficacia, magari creando “titoli” capaci di fare invidia al direttore di un grande giornale.

Crediamo che Papa Francesco abbia questa capacità e che riconoscergliela significhi capire meglio anche la sua azione teologica e pastorale, aperta verso tutti per farsi capire nel modo più diretto.

Prendiamo alcune sue espressioni che già da ora sono destinate a caratterizzare il suo pontificato. Eccone una piccola raccolta:

• Ah! quanto vorrei una Chiesa povera e per i poveri!
• Perché loro e non io (ripetuta durante le sue visite ai carcerati)
• Chi sono io per giudicare?
• La prima predica di Gesù nella stalla è stato un pianto.
• Il Vangelo è stato “ristampato” in tantissime edizioni delle vite dei santi

E la sua attitudine a considerare il giornalismo come una forma espressiva importante è racchiusa nella sua frase:

• Il giornalismo è la prima bozza della storia.

I documenti in cui Francesco ha manifestato in modo più compiuto e sistematico il suo pensiero sull’etica e la prassi della professione giornalistica sono i cinque Messaggi per le Giornate Mondiali delle Comunicazioni Sociali promulgati nell’arco del suo pontificato, dal 2014 ad oggi.

Cinque sono i Messaggi qui presentati e cinque sono le parole-chiave in essa evidenziate:

  1. 2018 – Pace, ponendo al centro le persone che, libere dalla bramosia, sono pronte all’ascolto e attraverso la fatica di un dialogo sincero lasciano emergere la verità
  2. 2017 – Speranza, riconoscendo come Dio stesso, nello scenario drammatico di questo mondo, stia componendo la trama di una storia di salvezza
  3. 2016 – Misericordia, che, citando Shakespeare, “scende dal cielo come il refrigerio della pioggia sulla terra. È una doppia benedizione: benedice chi la dà e chi la riceve”.
  4. 2015 – Famiglia, primo luogo in cui impariamo a comunicare, ad abbracciarsi, sostenersi, accompagnarsi, decifrare gli sguardi e i silenzi, ridere e piangere insieme.
  5. 2014 – Incontro, come nella parabola del Buon Samaritano, ove si esalta la comunicazione come “prossimità”, capace di raggiungere le periferie esistenziali.

Su queste parole abbiamo chiamato a riflettere significative personalità del mondo della cultura e del giornalismo, con diverse funzioni e diversi orientamenti. A loro va il nostro ringraziamento perché sono i veri autori di questo lavoro.

ACQUISTA IL LIBRO SU

Acquista su Libreria del Santo Acquista su Amazon Acquista su Ibs

 

Check Also

Via Crucis con San Pio da Pietrelcina

Attraverso questo libretto della Via Crucis, a cura di don Lucio D’Abbraccio (qui anche tutti …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.