Libro: Evangelizzare la morte

35

Evangelizzare_la_morteNei suoi aspetti più intimi
la vita è in stretta relazione
con il senso
che attribuiamo alla morte

Cristo non si è rassegnato alla sua morte, ma vi è andato incontro: ha saputo celebrare la sua morte con parole e gesti di comunione. Così Gesù per primo ha annunciato la propria morte, trovandovi un senso per se stesso e per gli altri: vi ha riconosciuto un valore e un significato davanti a Dio e agli uomini. In questo modo ha evangelizzato la morte. La morte di un uomo non è di per sé un annuncio ma una notizia, perché ogni uomo muore. Quando, però, un uomo è capace di fare della sua morte un atto di comunione, ed è capace di celebrare il morire con gesti e parole di comunione, costui trasforma la sua morte in un’invocazione di comunione eterna con le persone che lascia e, se è credente, con il Signore al quale va incontro. Se vissuta così, la morte è annuncio.

Goffredo Boselli (Codogno 1967), monaco di Bose e liturgista, è membro della Commission francophone cistercienne e delle redazioni di Rivista Liturgica e di Arts Sacrés. Collabora con la Commissione episcopale per la liturgia della Cei in qualità di esperto. Presso le nostre edizioni ha già pubblicato Il senso spirituale della liturgia (2011).

Acquista il libro

Nel video, la conferenza avuta dall’autore Goffredo Boselli presso l’Università di Ferrara.

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 25 maggio 2014 a cura di fr. Roberto Vecchio OFM cap
Articolo successivoIntervista al Segretario di Stato Vaticano Pietro Parolin sul viaggio di Papa Francesco in Terra Santa