Nato in queste settimane di buio e di dolore. Di fronte allo sciorinare di numeri impressionanti di morti, al dolore di donne e uomini provati dalla malattia, l’impossibilità di accompagnare gli affetti più cari alle soglie dell’ultimo viaggio, è tornata prepotente la domanda: ‘ma che senso ha pregare?’, e soprattutto ‘chi pregare? A quale Dio alzare il proprio grido?’ e poi ‘questo grido verrà ascoltato?’

Ha ancora un significato per la donna e l’uomo di oggi invocare un Dio assiso lassù nei cieli chiedendogli di intervenire con la sua potenza a porre fine a questa tragedia?
Così ho scritto una lettera, ad amiche a amici sparsi per l’Italia, da Bolzano a Palermo. Intellettuali, biblisti, teologi. Ho chiesto a ciascuno: dimmi per favore, con sincerità: ma per te, cosa significa pregare, oggi, adesso, in questo momento dove tutto pare essere messo in discussione?

Ed ecco il libro. Diciassette interventi. Lucidi, sinceri, forti.

ACQUISTA IL LIBRO SU AMAZON

ACQUISTA IL LIBRO SU LIBRERIADELSANTO

Ascolta “Paolo Scquizzato “La goccia che fa traboccare il vaso”” su Spreaker.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.