Quaresima Giovane – Un calendario da scrivere

45

Preghiera e condivisione tra giovani e giovanissimi!

quaresima giovane 2016

Si tratta di un calendario “attivo” pensato per accompagnare i giovani/giovanissimi nella loro preghiera personale per tutto il periodo forte della Quaresima con un versetto al giorno e un impegno legato al proprio territorio e al proprio vissuto quotidiano, come scuola, famiglia, sport, amici.

[ads2]Il progetto nasce in un’ottica open, cioè non si chiude ai confini locali, ma è pensato per la condivisione con le pastorali giovanili e della comunicazione delle altre diocesi attraverso il downloading e la personalizzazione dei contenuti. La scelta di usare un calendario cartaceo nell’era di Google Calendar è un ulteriore invito a vivere la Quaresima in modo reale e concreto, senza però rinunciare alla rete, ai social e agli hashtag.

Infatti, il “QuaGio” è un calendario da riempire sulle piattaforme sociali con le condivisioni dei commenti e dei pensieri personali, delle foto degli impegni quotidiani e delle proprie preghiere attraverso un blog dedicato sul sito diocesano e un hashtag speciale per i social network: #quagio. Inoltre, con lo spirito della partecipazione e della creazione di contenuti, le meditazioni domenicali sono scritte dai giovani della Pastorale Giovanile e verranno inserite in rete con un’immagine a tema che girerà in modo virale sui social.

“Quaresima giovane. Un calendario da scrivere” – questo il nome del progetto – è stato creato in occasione della Quaresima 2016 dall’Ufficio Comunicazioni Sociali della Diocesi di Oppido Mamertina-Palmi in collaborazione con il Servizio diocesano di Pastorale Giovanile, l’Ufficio Scuola, il Msac, il Sovvenire diocesano e lo studio grafico Lamorfalab.

I files grafici del calendario “QuaGiò” sono open source, scarica i pdf personalizzabili e usali nella tua comunità!

[Download non trovato]

whatsapp

Invia su WhatsApp le tue riflessioni e foto giornaliere a questo numero:

327 579 2353

Per info:

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 7 febbraio 2016 – don Gianfranco Calabrese
Articolo successivoCommento al Vangelo di domenica 7 febbraio 2016 – don Giorgio Zevini