I periodici San Paolo in formato digitale per iPad e Android

79

Più di 87 anni di periodici San Paolo alla frontiera della tecnologia digitale. Un’avventura nel mondo della comunicazione che comincia nel 1924 con il Giornalino e prosegue con Famiglia Cristiana, nata il 25 dicembre 1931, e che quindi festeggia gli 80 anni di vita al servizio della famiglia. Senza dimenticare le altre riviste del Gruppo arrivate in edicola nel tempo: i periodici Jesus e Vivere, e il mensile GBaby per i più piccoli.
Tutta questa appassionante storia di giornalismo e di formazione sarà ora a portata anche di touch screen, su tablet e smartphone di nuova generazione. A partire dal numero 45 di Famiglia Cristiana, tutti i periodici San Paolo per la famiglia saranno disponibili in formato digitale: con un’unica applicazione, “Family Pad”, scaricabile sia dall’iTunes Store sia dall’Android Market, sarà possibile leggere cinque riviste: Famiglia Cristiana, Il Giornalino, GBaby, Vivere in armonia e Jesus. La “App” sarà scaricabile dal 3 novembre, e oltre al formato digitale delle edizioni cartacee, darà anche alcuni contenuti “extra”, con news in tempo reale.
Il download dell’applicazione è ovviamente gratuito e dà diritto a cinque riviste in un solo colpo gratis per due settimane. Poi è possibile scegliere la formula “Family Padper un mese (tutte le riviste al prezzo di 5,99 euro con abbonamento a rinnovo automatico a 4 numeri di Famiglia Cristiana, 4 numeri del Giornalino, 1 numero di GBaby, 1 numero di Vivere e 1 numero di Jesus); oppure c’è la formula “Family Padper un anno che costa solo 39,90 euro con abbonamento a rinnovo automatico (52 numeri di Famiglia Cristiana, 51 numeri del Giornalino, 12 numeri di GBaby, 12 numeri di Vivere, 12 numeri di Jesus).

Scarica l’app per iPad

La App “Family Pad” offre anche la possibilità di acquistare una copia singola di ogni rivista ai seguenti prezzi:

  • Famiglia Cristiana, Il Giornalino o GBaby a 1,59 euro;
  • Vivere a 2,39 euro;
  • il mensile di approfondimento religioso Jesus a 2,99 euro. 

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 30 ottobre 2011 – don Emilio Lonzi
Articolo successivo27 ottobre 2011 – Assisi – Pellegrini della verità, pellegrini della pace