Il perdono di Assisi

57

Una notte dell’anno del Signore 1216, Francesco era immerso nella preghiera e nella contemplazione nella chiesa della Porziuncola, quando improvvisamente dilagò nella chiesina una vivissima luce e Francesco vide sopra l’altare il Cristo rivestito di luce e alla sua destra la Madre Santissima, circondati da una moltitudine di Angeli. Francesco adorò in silenzio con la faccia a terra il suo Signore! Gli chiesero allora che cosa desiderasse per la salvezza delle anime. La risposta fu immediata: “Santissimo Padre, benchè io sia misero peccatore, ti prego che a tutti quanti, pentiti e confessati, verranno a visitare questa chiesa, gli conceda ampio e generoso perdono, con una completa remissione di tutte le colpe.” [fonte: Rivista S. Francesco]

http://www.youtube.com/watch?v=9pA33kNRs-U

Articolo precedenteCommento al Vangelo del 7 agosto 2011 – Comunità cattolica ungherese
Articolo successivoCommento al Vangelo del 7 agosto 2011 – don Domenico Luciani