Paolo Curtaz – Commento al Vangelo del 10 Agosto 2022

112

- Pubblicità -

L’Imperatore Valeriano aveva già fatto uccidere il papa Sisto e alcuni dei suoi confratelli della Chiesa di Roma. E gli promise salva la vita se gli avesse portato i tesori nascosti della Chiesa.

Così Lorenzo, diacono, amministratore dei beni della comunità, l’indomani si presentò a corte con alcuni poveri, dicendo: ecco questi sono i nostri tesori: sono tesori eterni, non vengono mai meno, anzi crescono. Venne condannato anch’egli al martirio ma la sua memoria è rimasta nel cuore dei discepoli lungo i secoli.

Sono i poveri che accogliamo e sosteniamo il vero tesoro della Chiesa, occorre ricordarlo quando la gestione dei beni della comunità smette di essere strumento di sostengo e si fa corrompere dalla logica del profitto.

Lorenzo vegli sul nostro modo di gestire i beni della terra, personali e comunitari, per dare testimonianza al mondo su quali siano i veri tesori.

Fonte | LEGGI ALTRI COMMENTI AL VANGELO DEL GIORNO