Monaci Benedettini Silvestrini – Commento al Vangelo del 24 Settembre 2022

44

- Pubblicità -

Il secondo annuncio della Passione.

San Luca pone il secondo annuncio della sua Passione dopo l’episodio centrale della trasfigurazione e della guarigione dell’epilettico. Dopo la gloria del Tàbor, ecco che Gesù ripropone il suo mistero della Croce. È un insegnamento forte e di difficile comprensione da parte dei discepoli.

Lo «scandalo della Croce», che ci propone San Paolo nei suoi scritti si associa alla glorificazione del Figlio dell’uomo che troviamo nel Vangelo di San Giovanni. I discepoli, non possono ancora comprendere questi misteri; si trovano di fronte all’impossibilità di accettare la sofferenza del giusto: in questo passaggio troviamo il cambiamento dall’Antico al Nuovo testamento.

- Pubblicità -

Troviamo nella predicazione profetica (Isaia) e nell’esperienza sapienziale (Giobbe) già dei tentativi per affrontare questo aspetto che, invece, ci introduce direttamente nella missione redentrice di Gesù, il vero ed unico Giusto, e ci aiuta a comprendere i misteri del Padre nelle strade tortuose di questo mondo; ciò però non è sufficiente per i discepoli che rifiutano ancora apertamente la passione di Cristo.

Vi è un profondo motivo religioso in ciò proprio per l’inconciliabilità, nella loro mentalità, della figura del Messia con la passione appena annunciata. Nella missione della Chiesa, e nella nostra vita quotidiana vi è l’esortazione a riconoscere il vero Gesù, il Cristo mandato dal Padre, nel Mistero della sua morte e Risurrezione, per affidare a Lui le nostre sofferenze ed i nostri dolori che ci dice: «Prendete il mio giogo sopra di voi e imparate da me, che sono mite e umile di cuore, e troverete ristoro per le vostre anime».

Monaci Benedettini Silvestrini

Photo by Aaron Burden on Unsplash