Il Video del Papa – Intenzione di preghiera del mese di Settembre 2022 – Testo, Video e Infografica

78

- Pubblicità -

Ci sono molte ragioni per dire “NO” alla pena di morte. Non è giusta, perché “non offre giustizia alle vittime, ma alimenta la vendetta. Ed evita ogni possibilità di rimediare a un eventuale errore giudiziario”. È moralmente inadeguata, perché “distrugge il dono più importante che abbiamo ricevuto, la vita”. E, come ci ricorda Francesco, “alla luce del Vangelo, la pena di morte è inammissibile”. Non restiamo indifferenti alle leggi che, in alcune parti del mondo, consentono ancora la pena di morte: uniamoci all’appello del Santo Padre condividendo questo video.

Per l’abolizione della pena di morte

Preghiamo perché la pena di morte, che attenta all’inviolabilità e alla dignità della persona, sia abolita nelle legislazioni di tutti i Paesi del mondo.

Questo il testo della preghiera di Papa Francesco

Cresce sempre più nel mondo il NO alla pena di morte. Per la Chiesa, questo è un segno di speranza.
Da un punto di vista giuridico, non è necessaria.
La società può reprimere efficacemente il crimine senza privare definitivamente chi lo ha commesso della possibilità di redimersi.
In ogni condanna dev’esserci una finestra di speranza.
La pena capitale non offre giustizia alle vittime, promuovendo invece la vendetta.
Ed evita qualsiasi possibilità di rimediare a un possibile errore giudiziario.
Dall’altro lato, dal punto di vista morale la morte è inadeguata, distrugge il dono più importante che abbiamo ricevuto: la vita. Non dimentichiamo che fino all’ultimo momento una persona può convertirsi e cambiare. E alla luce del Vangelo, la pena di morte è inammissibile.
Il comandamento “Non uccidere” si riferisce sia all’innocente che al colpevole.
Per questo, chiedo a tutte le persone di buona volontà di mobilitarsi per ottenere l’abolizione della pena di morte in tutto il mondo.
Preghiamo perché la pena di morte, che attenta all’inviolabilità e alla dignità della persona, sia abolita nelle legislazioni di tutti i Paesi del mondo.

GUARDA L’INFOGRAFICA

Link al video