I segreti delle luce. 21 passi per la felicità

239

- Pubblicità -

Nel 2014 Francesco Lorenzi ha raccontato in un libro sincero e intenso il suo percorso di conversione da una vita senza luce a un’altra illuminata da Dio, in cui tutto trova un senso: la musica, il successo, le amicizie, ogni relazione umana. Questa forte esperienza lo ha educato a una meditazione profonda che gli ha permesso di cogliere una dimensione di felicità, una pienezza traboccante che libera l’anima e fa bene al cuore.

Per questo Lorenzi presenta ora un cammino in 21 passi: i primi 7 rappresentano un risveglio perché ci aiutano a metterci in ascolto di quelle che lui, quale musicista, definisce le sette note dell’armonia interiore ed esteriore, dal do di Dono al si di Silenzio passando per il fa di Fallire e il la di Lavoro. La seconda fase del percorso è quella della consapevolezza e della scelta, una terra di mezzo in cui occorre interrogarsi perché continuare nonostante la fatica e la paura di non farcela.

Sono i 7 scalini del combattimento spirituale interiore grazie ai quali si scoprono valori come il Perdono (che non vuol dire lasciar perdere), l’Ammirazione (che non è fanatismo), la Fedeltà (ben diversa dalla monotonia). Salire questi gradini apre la strada alla terza parte del cammino, i 7 passi di contemplazione della meta: l’incontro con lo Spirito, l’accorgersi che in questo cammino non siamo mai stati soli. Quello proposto da Lorenzi è un itinerario lineare e graduale che può intraprendere chiunque senta l’esigenza di indagare sul significato della vita. Ma è anche un cammino rivolto a quelli che hanno paura, a chi vorrebbe amare e non ci riesce, a coloro che sono feriti, a chi non si arrende e vuole portare più luce nella propria vita. Insomma un cammino per tutti perché ciascuno di noi è un’anima alla ricerca della felicità.

ACQUISTA IL LIBRO SU
AMAZON | IBS | LA FELTRINELLI | LIBRERIA DEL SANTO

In questo video Francesco legge alcuni estratti dalla prima parte “Sette note per l’armonia interiore ed esteriore” al capitolo 1, intitolato “Do, il Dono”: “Tra il concepire la propria vita come un dato di fatto rispetto a un fatto che ci è stato donato, ci sono solo due lettere di mezzo, ma è uno spazio superiore a quello generato per l’universo… Una vita intesa e sentita come dono ricerca tutto come dono e accoglie tutto come dono.”

In questo secondo video Francesco legge alcuni estratti dalla prima parte “Sette note per l’armonia interiore ed esteriore” al capitolo 2, intitolato “Re, il Respiro”: “Le nostre emozioni e il nostro respiro sono un tutt’uno, conscio e inconscio s’incontrano… È importante ridestarsi alla consapevolezza che in noi c’è qualcosa di unico, luminoso, eterno e misterioso! Siamo un germoglio che chiede d’esser custodito e coltivato per portare frutto. Per questo è vitale ritagliarsi dei tempi così che l’anima possa riprendere il posto che le spetta, dilatarsi, allenarsi, indicarci verso quali sfide della vita incamminarci. Solo un’anima ben ossigenata e ascoltata può renderci pronti a sfidare la vita con delle proposte che rispecchino davvero ciò a cui siamo chiamati.”