Gesuiti – Commento al Vangelo del giorno, 28 Settembre 2022

108

- Pubblicità -

Queste parole ci aiutano a capire un paio di aspetti che hanno a che fare con la scelta di seguire Gesù, in particolare riguardo al passato e al futuro del discepolo.

È bello il desiderio di chi dice a Gesù che lo seguirà dappertutto, c’è tutto l’entusiasmo di chi ha scoperto una cosa così importante da non voler farla sfuggire, però l’entusiasmo passa e arriva sempre il momento in cui ci si trova a dover vivere il contrasto che si crea tra l’immagine rosea dell’essere discepolo di Gesù che ci eravamo fatti e lo stare in una realtà che invece è reale: perché sento tristezza? Perché sento dolore, rabbia? Perché nonostante la mia fede il mondo mi ferisce, e io ferisco gli altri?

- Pubblicità -

Gesù quindi all’entusiasmo risponde con una doccia fredda: se mi vuoi seguire, sappi che la vita non ti darà pause. Niente ti sarà risparmiato solo perché pensi di appartenere a un club esclusivo. Quello che il Signore promette è di far nascere vita nuova da questa tristezza, dalla rabbia e dalle ferite.

C’è inoltre un richiamo forte a come vivere il proprio passato. Incontrare il Signore e guardarsi con i suoi occhi può fare luce sul proprio passato e aiutare a prendere consapevolezza dei peccati fatti. È vero che il Signore è luce, ma la luce ha come conseguenza quella di rendere più visibili anche le cose che non vanno. Il rischio è quello di farsi schiacciare dal senso di colpa, perché vorremmo cancellare tante cose dette o fatte che però rimangono a pesare nella nostra memoria. Seguire il Signore è guardare al proprio passato per quello che è: qualcosa che non c’è più, il cui peso non mi deve pesare più. Ne sono responsabile, certo, e può essere utile tenerlo in memoria per evitare di ricadere negli stessi errori, ma essere discepolo amato significa poter mollare il peso di un passato che diventa a volte insostenibile.

Incontrare Gesù cambia non solo il presente, ma anche il passato e il futuro.

Leonardo Vezzani SJ

Continua a leggere gli altri approfondimenti del giorno sul sito

Fonte: Get up and Walk – il vangelo quotidiano commentato