fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 17 Luglio 2022

143

- Pubblicità -

Marta invece era distolta per i molti servizi. Sia care sorelle e fratelli, qui sta il punto del discorso. Non è affatto un problema lavorare, non è affatto un problema mettersi al servizio degli altri, anzi, è necessario non solo per vivere ma anche per una autentica spiritualità. Nella spiritualità di chi non fa la sua parte di lavoro per vivere io non ci credo, come non credo nella spiritualità di chi si chiude in se stesso senza mettersi al servizio degli altri.

Qui il problema è un altro, ed è il problema di chi si lascia trasportare dal lavoro e fa del lavoro il fine della propria vita, il problema di chi è indaffarato in mille cose buone e utili, ma un po’ di tempo per ascoltare Gesù non lo trova.

E vorrei qui ricordare Madre Teresa di Calcutta, nota per il suo servizio ai poveri, ma che sempre dedicava ogni giorno almeno una ora all’adorazione Eucaristica, e lei ha pronunciato queste parole: Dal momento in cui abbiamo iniziato ad avere un’ora di adorazione al giorno, l’amore per Gesù è diventato più intimo nel nostro cuore, l’affetto tra noi più comprensivo e quello per i poveri si è riempito di compassione, e così è raddoppiato il numero di vocazioni. Dio ci ha benedette con molte vocazioni meravigliose.

L’ora che dedichiamo al nostro colloquio quotidiano con Dio è la parte più preziosa di tutta la giornata.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano