fra Stefano M. Bordignon – Commento al Vangelo del 15 Luglio 2022

196

- Pubblicità -

Non è bello immaginare questa scena? Di Gesù che cammina in mezzo ai campi di grano, mentre i suoi discepoli lo seguono a breve distanza strappando qualche spiga per masticare i chicchi e nutrirsi in questo modo? Quando ero bambino ricordo che anche davanti a casa mia c’era un campo coltivato ad orzo, e molte volte anch’io ho strappato le spighe per mangiarne i chicchi.

È una cosa molto bella perché si avverte proprio il senso della bellezza del creato, il senso diretto di come la nostra sopravvivenza sia legata ai frutti della terra e come la terra provveda a tutto quello che ci serve per vivere. L’evoluzione della società ha fatto sì che questo legame tra l’uomo e la terra si sia spezzato, ormai siamo abituati a comperare ogni cosa confezionata, abbiamo quasi la sensazione che il cibo non sia frutto della terra ma il frutto del denaro.

Scusate se sono uscito un po’ dal discorso, ma ciò che Gesù oggi ci insegna è che ha più valore la vita dell’uomo che la legge religiosa, e io dico anche: ha più valore la vita dell’uomo che la legge del denaro. Ogni persona ha il diritto di raccogliere e di mangiare la sua parte dei frutti della terra.

Fonte: il canale YOUTUBE di fra Stefano