Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 29 Settembre 2022

108

- Pubblicità -

“ Come mi conosci? “

E’ la domanda che Natanaele fa a Gesu’.

E’ una domanda che a noi cristiani sembra…. un po’ scontata.

Cristo ci conosce perché è Dio e, se Dio ha creato l’uomo, conosce ciascuno di noi!!!

Ma Natanaele, che poco prima aveva risposto, un po’ seccato, a Filippo, che da Nazaret “ non poteva venire nulla di buono “, non crede minimamente che quel Gesu’ possa essere Dio.

Cio’ nonostante, sottolinea il testo, “ va incontro “ al Maestro.

Filippo era riuscito ad ingenerare in Lui quella “ curiosità “ di conoscerlo.

E Gesu’….lo spiazza, dimostrandogli di….. conoscerlo già!!!

Natanaele non si sa spiegare questa cosa.

Come puo’ “ conoscermi “ un uomo che “ non ho mai visto prima “?

Ed allora…capisce e fa la sua professione di fede: “ Rabbi’, tu sei il Figlio di Dio, tu sei il re d’Israele “.

Ecco, Natanaele era giustificato a non sapere chi fosse Cristo, e cio’ glielo riconosce anche il Signore pronunciando la famosa espressione “ Ecco un israelita in cui non c’è falsità “.

Ma noi, che sappiamo che Lui “ ci conosce “, perché non gli “ andiamo incontro “ ed iniziamo a “ conoscerlo davvero “?

Vedremo “ cose grandi “, inimmaginabili a chi non conosce il Signore.

Buona giornata e buona riflessione a tutti.

A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.