Fabrizio Morello – Commento al Vangelo del giorno, 21 Settembre 2022

90

- Pubblicità -

“ Chi è dunque costui, del quale sento dire queste cose? “

Erode….rischia di impazzire.

Sembra che “ il fantasma di Giovanni il Battista “ lo perseguiti!!!

Ha paura, non sa che cosa pensare.

Se solo per un attimo fosse uscito dalle sue paranoie, dall’idea che si era fatto di Gesu’ quale suo competitor, quale uomo desideroso di prendere il suo potere, si sarebbe accorto che……..Cristo è tutt’altro.

Erode ha paura di Cristo.

Spesso anche il nostro cristianesimo è intriso di questo concetto di paura.

Espressioni che si rinvengono nei libri sacri, mal spiegate, quali il “ timore di Dio “, hanno consentito la diffusione di un “ cristianesimo della paura “, in cui i comandamenti vanno seguiti per “ timore di Dio “ e del suo “ castigo “ e non perché… sono i consigli per la felicità.

Quanto male fa questo “ falso cristianesimo “ che raffigura Dio come un “ padrone severo “ e noi come “ suoi schiavi ”. 

Eppure Gesu’ ce lo dice in tanti passi che siamo “ figli “ e non “ schiavi “.

Ecco il passaggio che manca a molti e mancava pure ad Erode.

Il figlio non ha paura del Padre.

Per non avere paura deve pero’ “ vederlo “, conoscerlo.

Incontrandolo si accorgerà che non è quel padrone severo che si era prefigurato ma un genitore affettuoso e misericordioso di cui non c’è da avere paura ma solo da fidarsi.

Che liberazione è scoprire il “ vero volto del Padre.

Buona giornata e buona scoperta a tutti.

A cura di Fabrizio Morello

Foto: mia.