don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 5 Agosto 2022

225

- Pubblicità -

Il gioco di borsa della Carità

Nel tempo della crisi dovuta alla pandemia si è levata da più parti l’espressione: nessuno si salva da solo. Non è uno slogan ma una grande verità che Gesù proclama con la vita e, ancor di più, con la morte. Egli è l’unico Salvatore del mondo perché non ha preteso di salvarsi dalla morte ma si è salvato e ha salvato tutti attraverso la morte nella quale ha offerto la sua vita per amore. 

Gesù ha profeticamente annunciato la sua sofferenza e la morte, ma anche la risurrezione. Pietro si era opposto risolutamente non credendo a quello che Gesù stava annunciando, come se le umiliazioni, le mortificazioni, i fallimenti e la morte stessa, in qualsiasi modo essa ci colpisca, sia qualcosa da esorcizzare. 

- Pubblicità -

Se rimuoviamo dall’orizzonte delle nostre prospettive e dei nostri pensieri il problema della sofferenza e della morte è come se camminassimo a occhi chiusi sostituendo la realtà con l’immaginazione. La gloria umana, di cui sono pieni gli occhi sognanti di Pietro, si trasforma in ideale per cui agire. La salvezza appare in questo senso come l’ottenimento di obbiettivi puramente mondani: sazietà, soldi e salute. Vivere per questo fine significa sprecare la vita perché si va incontro proprio a ciò che si vorrebbe evitare. Chi scappa davanti alla croce, rifiuta di pagare il prezzo dell’amore e di prendere il peso delle proprie responsabilità, si ritrova a pagare un prezzo ancora più alto in cambio del quale, però, non ottiene la vita ma la morte. 

La crisi sanitaria e politica, con la sua drammatica ricaduta sociale ed economica, sembra essere stata agevolata dallo stile di vita che preferisce il profitto ad ogni costo invece di custodire il dono prezioso della natura e promuovere sane relazioni umane. La vita è un dono che, sebbene ci venga offerto gratuitamente, ha un prezzo: la responsabilità nel servizio. Questo dono cresce nella misura in cui matura in noi il desiderio di amare e servire. Che sia un autentico servizio lo dimostra la disponibilità a seguire Gesù che non è venuto per farsi pagare ma, pagando di persona, per arricchirci di umanità. 

Allora è dunque vero che nessuno si salva da solo, perché la salvezza è fondamentalmente la relazione d’amore che riunisce e ci unisce in un grande abbraccio. Al mercato delle opinioni in cui abbondano le connessioni ma scarseggiano vere relazioni, Gesù propone di mettersi in gioco per gareggiare nell’amore. In questo gioco di “borsa della Carità” guadagna di più chi più offre in termini di attenzione, cura e amorevolezza nei confronti degli altri.

Signore Gesù, vincitore sulla morte e sul peccato, aiutami a non aver paura di ciò che mi priva della libertà di fare ciò che voglio, ma di quello che mi ruba la fiducia nel Padre e la libertà di fare la sua volontà. Fa che possa seguire le tue orme anche quando la strada mi porta lontano dai miei obiettivi e dammi la consapevolezza di avvicinarmi alla meta della santità verso cui mi conduci. Non c’è proporzione tra l’amore che mi dai e quello che io riesco a comunicare; aumenta la mia fede perché non mi accontenti delle piccole e fugaci gratificazioni ma punti più in alto, alla misura alta dell’amore. 

Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]