don Pasquale Giordano – Commento al Vangelo del 24 Settembre 2022

93

- Pubblicità -

La via della Croce è la strada della vita

Gesù guarisce un giovinetto e lo restituisce al padre suscitando la reazione entusiasta della folla che riconosce l’opera di Dio. Tutti erano ammirati dei miracoli che Gesù compiva. Ma l’ammirazione e la meraviglia non sono ancora indice di fede perché il vero miracolo di Gesù si compie quando l’uomo accoglie l’amore di Dio effuso con il suo sangue dalla croce. La fede, dono di Dio, è fuoco, ma non come quello di paglia, proprio delle emozioni.

La fede è il fuoco che Dio accende nel cuore dell’uomo perché, infiammato di carità, contagi di amore anche gli altri fratelli. Gesù sembra smorzare i facili entusiasmi dei discepoli che, galvanizzati dalle espressioni di ammirazione della folla che aveva assistito ai suoi miracoli, coltivavano sogni di gloria. La mente corre avanti sognando scenari esaltanti che rischiano di farli allontanare dalla realtà, soprattutto quella difficile che vivono le persone più fragili.

- Pubblicità -

La gloria a cui il Signore guida non è quella degli onori o del potere, ma è la stessa che gli appartiene e che si manifesta sulla croce, vero trono di governo e autentica cattedra di sapienza. A questa gloria si giunge solo attraversando fino in fondo il mistero del dolore che gli uomini invece tentano di esorcizzare ed eliminare dalla propria vita.

Per affidarsi a Dio, e da Lui farsi innalzare, bisogna consegnarsi nelle mani degli uomini, cioè amarli anche se peccatori, o forse proprio per quello. Il mistero del dolore è tanto grande quanto lo è anche quello della salvezza la cui azione estende il suo raggio seguendo di pari passo quello della morte, ma superandola di gran lunga. 

Signore Gesù, maestro della sapienza della Croce, insegnaci a non fermarci scandalizzati davanti alla sofferenza, ma illumina la nostra mente per dare un senso costruttivo al dolore. Tu mi conduci alla gloria della vita eterna attraverso molte tribolazioni che, seppur feriscono e umiliano, tuttavia da esse si può trarre sempre un insegnamento per crescere umanamente. Aumenta in me la luce della fede perché possa sempre cercare il tuo volto e aderire con gioia alla tua volontà. Fa che seguendoti sulla via della croce il mio cuore si lasci plasmare dalla tua parola e trovi nel tuo esempio ispirazione per forme sempre più creative di carità.

Commento a cura di don Pasquale Giordano
FonteMater Ecclesiae Bernalda
La parrocchia Mater Ecclesiae è stata fondata il 2 luglio 1968 dall’Arcivescovo Mons. Giacomo Palombella, che morirà ad Acquaviva delle Fonti, suo paese natale, nel gennaio 1977, ormai dimissionario per superati limiti di età… [Continua sul sito]