don Giovanni Berti (don Gioba) – Commento al Vangelo del 7 Agosto 2022

398

- Pubblicità -

Dio su una cassa di patate

L’altro giorno mi aggiravo nel chiostro del Santuario della Madonna del Carmine qui sul Lago di Garda, e mi hanno colpito i pannelli di una installazione che ricorda la storia di padre Tito Brandsma. Il carmelitano è stato proclamato Santo da papa Francesco a maggio di quest’anno, e proprio a fine luglio si sono celebrati gli 80 anni dalla sua morte per iniezione letale nel campo di concentramento di Dachau.

Padre Brandsmanato in Olanda nel 1881, era un grande predicatore, teologo e giornalista, durante l’occupazione nazista dell’Olanda all’inizio degli anni 40 si oppone apertamente all’ideologia nazionalsocialista, anche a rischio della persecuzione personale. Viene infatti arrestato all’inizio del ’42 e dopo vari trasferimenti in vari campi di prigionia e lavori forzati, finisce a Dachau in Germania dove muore.

- Pubblicità -

Tra i vari racconti e immagini che mi hanno colpito nella sua storia esposta nel santuario, c’è quella della predica nella baracca del campo di prigionia di Amersfoort il Venerdì Santo del 1942. Di quella sua predica rimane il disegno di un prigioniero e la testimonianza di un altro. Chi racconta quell’evento ammette di non ricordare tutto quello che padre Tito disse, ma di aver ben presente il clima e il calore al cuore che padre Tito trasmise con le sue parole da un pulpito improvvisato di una cassa di patate, rasato a zero e con indosso una puzzolente casacca da prigioniero. Tutti in quella baracca erano ugualmente tristi e miseri in quelle condizioni che bene esprimevano la totale miseria che li accomunava, senza libertà, senza beni, con poco cibo e senza nemmeno la salute e un futuro certo. Eppure i testimoni ricordano bene come quella predica sulla Passione di Cristo arricchì a tal punto il loro cuore che per molti divenne il nutrimento più potente di tutti, anche per chi non si dichiarava credente.

Oggi, 80 anni dopo, siamo in un periodo storico molto diverso, ma per molti aspetti molto simile a quello nella violenza e nel pericolo. Oggi le nazioni più grandi e ricche, così come tanti potenti della terra, mostrano l’uno contro l’altro i muscoli delle armi e dei mezzi tecnologici e economici, e questo sembra diventare anche lo stile che abbiamo tra di noi, nei rapporti umani. Le parole di Gesù ai suoi piccoli e poveri discepoli diventano quindi estremamente provocatorie e attuali: “Non temere, piccolo gregge, perché al Padre vostro è piaciuto dare a voi il Regno…”.

A noi uomini, a noi cristiani, a me con le mie piccolezze e povertà è affidato il messaggio di Dio, il suo piano per un mondo di fraternità e di cuori uniti. Non devo farmi spaventare dalla cattiveria che mi circonda ma nemmeno dalle mie piccole cattiverie e limiti. A me, a noi, è affidato il Regno di Dio qui sulla terra, e possiamo farlo crescere nella misura in cui al posto della violenza cerchiamo la pace, al posto dell’accumulare beni e mezzi di forza apriamo le mani e doniamo, se al posto di fare i muscoli apriamo il cuore al fratello. Forse non tutti ricorderanno quello che faremo nella direzione del bene ma Dio lo ricorda sempre, e continua ad affidare alla nostra povertà la ricchezza del suo amore.

Se padre Tito Brandsma da una cassa di patate in un oscuro campo di concentramento, circondato da violenza e morte, ha saputo trasmettere al cuore degli altri il Regno di Dio, lo posso fare anche io, lo possiamo fare anche noi… anche in mezzo alle violenze del mondo nostro mondo.

don Giovanni

Fonte: il blog di don Giovanni Berti (“in arte don Gioba”)

- Pubblicità -