Teologia della liberazione

    329

    Movimento Latino-Americano largamente diffuso, il quale si ispira all’Esodo, ai richiami dei Profeti per la giustizia e all’annuncio del Regno da parte di Gesù; legge la Bibbia in chiave di liberazione integrale e ha messo radici profonde là dove strutture di ingiustizia e di dipendenza economica opprimono grandi masse di poveri. Tra i suoi migliori esponenti figurano: Juan Luis Segundo (nato nel 1925), Jon Sobrino (nato nel 1938) e soprattutto Gustavo Gutierrez (nato nel 1928) il cui libro Teologia della liberazione (tr. it. Ed. Queriniana, Brescia, 1973; l’originale è del 1972) ha dato vigore al movimento. Fortemente interessati nel compito pubblico della teologia nel promuovere i cambiamenti sociali, i « leaders » di questo movimento hanno sempre sviluppato una spiritualità della liberazione. Nella sua Enciclica Sollicitudo rei socialis del 1987, il papa Giovanni Paolo II ha auspicato una vasto processo di « sviluppo e di liberazione » che si esprima in « amore e servizio » del prossimo, « specialmente dei più poveri » (n. 46). Cf Metodi in teologia; Opzione per i poveri; Teologia femminista; Teologia nera; Teologia-politica.