Soteriologia (Gr. « dottrina della salvezza »)

    161

    Interpretazione sistematica dell’opera salvifica di Cristo per gli esseri umani e per il mondo. Cristo è morto e risorto per salvare l’umanità peccatrice (Me 14,24; Gv 11,49-52; Rm 4,25; 11; 1 Cor 15,3; 1 Pt 1,3). Il NT tiene insieme inseparabilmente la funzione salvifica e l’identità personale di Cristo come Figlio di Dio. Il NT, come applica vari titoli cristologici a Gesù, così intende la sua azione salvifica in una varietà di modi, soprattutto come liberazione vittoriosa, espiazione e amore trasformante (Gv 1,29; 13,1; 16,33). Sotto l’influsso di Filippo Melantone (1497-1560) e altri, la riflessione sull’opera salvifica di Cristo è stata spesso separata dalla cristologia. Anche certi trattati di soteriologia hanno esaminato la salvezza « oggettiva » separata dalla sua appropriazione « soggettiva » mediante la grazia. In genere, la recente teologia occidentale ha cercato di porre fine al divorzio tra la soteriologia e la cristologia. Cf Amore; Cristologia; Economia; Espiazione; Grazia; Redenzione; Riscatto; Salvezza; Soddisfazione.